Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

sabato 3 settembre 2011

Un ministro schietto

Immaginiamo che Berlusconi non sappia da chi è provenuta questa affermazione.
Se avesse sentito una frase simili un anno fa - ma anche 6 mesi! - avrebbe gridato all'oltraggio.
Anche i ricchi devono pagare?! Ma per favore!
Se l'avesse sentita allora l'avrebbe bollata come un rigurgito castrista e avrebbe sbraitato contro Prodi, l'unico in grado da concepire una simile mostruosità.
Invece un simile pensiero proviene da Tremonti, suo stesso Ministro, suo piccolo pupillo e favorito!
Era del tutto inaspettata una simile affermazione, del resto era anche possibile.
Volevano togliere soldi alla Sanità, la Ricerca, l'istruzione.
L'hanno già fatto, hanno tagliato così tanti fondi che perfino loro non se la sentivano di tagliare ancora.
Avevano pensato di togliere le pensioni alle vedove, poi avevano pensato di costringere gli italiani a rimandare ulteriormente la pensione con la simpatica trovata del riscatto degli anni di militare e Università.
Alla fine Tremonti, messo alle strette dalle proteste e dai soldi che mancavano ha deciso di giocarsi l'ultima, disperata carta e di proporre una mostruosità che nessuno in questo Governo avrebbe anche solo immaginato: far pagare più tasse ai ricchi per l'appunto.
Ci ritroviamo quindi in questa situazione.
Berlusconi domani si sveglierà, si truccherà come ogni mattina e una volta allo specchio vedrà il volto di Prodi. Perchè questo Governo assomiglia ogni giorno sempre di più al defunto e mai abbastanza deprecato Governo Prodi.
Solo che ci sono molti meno solo, ci sono meno fondi agli Enti pubblici, ci sta più ignoranza e godiamo di minor considerazione all'estero.
Ma la terribile e disumana lotta contro i ricchi d'Italia continua.
Ma non disperate, ricchi di 'Italia.
Berlusconi inventerà qualcosa per voi. Ehh, con quella bestia di Prodi mica si poteva sperare nel Governo!

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Nessun commento:

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.