Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

giovedì 29 settembre 2011

Lanterna Verde

Ho visto questo film cadendo dalle nuvole, in quanto Lanterna Verde come eroe dei fumetti mi era sconosciuto come erore fino a qualche mese fa, dove l'avevo visto menzionato in alcune puntate di Big Bang Theory.
Nonostante l'alta nerditudine di tale personaggio ero mediamente scettico riguardo questo film, primo perchè un po' deluso in seguito all'esperienza di Thor, secondo perchè in questo periodo ci stanno un bel po' di altri bei film che mi sembravano molto migliori.
Sbagliavo.
Innanzitutto la casa di questo film non è la Marvel, ma la DC Comics e ho potuto constatare che la seconda ha un gusto più adulto come mi hanno detto rispetto alla Marvel, che ormai si è prostituita per un pubblico di piccini grazie anche all'acquisizione della Disney.
Lanterne Verdi è un corpo di protettori dell'Universo che conservano il potere dell'energia smeraldo, la forma d'energia più potente dell'Universo, ovvero la Volontà.
Il potere di cui dispongono è potente quanto sfizioso: poter creare dal nulla oggetti da usare contro nemici o per proteggersi usando l'immaginazione e la forza del pensiero.
Per difendere le Galassie devono fronteggiare l'Energia Gialla, che rappresenta la paura, un'energia che si nutre e si rafforza con la paura degli esseri viventi.
Durante una lotta che lo mette in fin di vita, uno delle Lanterne Verdi si ritrova costretto a passare il suo potere sull'elemento più valente del pianeta in cui si trova: Hal Jordan.
Hal è un pilota spaccone molto simile a Maverik di Top Gun, incoscente, coraggioso, allergico alle responsabilità e con un complesso rapporto col padre morto.
Hal crede che un eroe non debba sapere cos'è la paura e rifugge di fronte alle difficoltà appena si presentano.
Non capisce invece che il coraggio ammette l'esistenza della paura, ma la controlla.
La Paura non si combatte nascondendola o negandola, nè la si combatte con la Paura stessa, ma la si controlla con la Forza di Volontà per l'appunto.
Morale mediamente scontata a parte è un film carino, che si permette un paio di licenze poetiche rispetto all'originale che non lo deviano troppo.
Bellissima la battuta sulla sua che ne dovrebbe oscurare i l'identità: finalmente un po' di ironia sulla sua inutilità di fronte a persone che conoscono bene l'eroe!
Il villain di turno andava approfondito un po', ma pazienza.
Per ora non ho voglia di controllare le eventuali inesattezze astrofisiche che molto probabilmente ci sono (l'unica che mi viene in mente ora è che non ci sono catene di asteroidi fra la Terra e il Sole), le scene d'azione sono state comunque piacevoli.
Bella la colonna sonora

Voto 6/10

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Nessun commento:

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.