Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

venerdì 9 settembre 2011

Imitazione di un'imitazione

Un volta c'era Hot shots.
Erano i ruggenti anni '90 e all'epoca dei fatti vivevo felice il mio primo decennio di vita. Allora non c'era youporn e la televisione era l'unico spioncino mediatico dal quale il ragazzino poteva intravedere qualcosa che avesse a che vedere col sesso e il mio senso dell'umorismo era proporzionato al senso dell'umorismo di quell'età, al massimo poco malizioso (o troppo poco, questione di stili di vita). Inutile dire che avessi dei gusti poco esigenti in quanto a cinema e che quando vidi Hot Shots ero a dir poco estasiato.
Non vorrei essere retorico, ma sono anche sicuro che i film degli anni '90 fossero in ogni caso migliori di quelli che ci sorbiamo oggi, a prescindere dal rfatto che allora mi piacevano perchè ero di bocca buona.
Hot Shots faceva davvero ridere, magari ora non lo apprezzerei quanto lo apprezzavo da ragazzino, ma era comunque un bel film, con la giusta dose di curve, risate e citazioni, anche colte al mondo del cinema.
Poi venne Scary Movie.
Ammetto che quando vidi il primo episodio stavo in camera con mia madre e la comicità - un po' scabrosetta - non me la potevo godere appieno, fra l'altro non sono neanche un gran consumatore di film horror e non potei cogliere tutte le citazioni, se non a grandi linee.
Mentre Hot Shots si fermò al secondo episodio, Scary Movie diede inizio a una specie di saga - non ricordo a che seguito siamo arrivati e non mi interessa nemmeno - e tutti sappiamo che, dopo il terzo seguito, in genere il pubblico che lo continua a guardare il film lo fa per tradizione o per moda e non perchè il prodotto sia genuinamente valido.
Dietro l'onda del successo di Scary Movie sono seguite numerose parodie, stavolta su di un solo film quali Treciento, Mordimi e altri film proponevano l'ormai stanca tradizione. Se non ho visto Treciento il cui film originale mi era anche piaciuto, figurate vi se ho buttato soldi e/o tempo per guardare Mordimi!
Cosa potevamo fare noi italiani, oltre a continuare consumare questo prodotto ormai inflazionato e inevitabilmente esaurito per chiunque abbia uno sputo di assennatezza?
Ovviamente copiare questo prodotto scadente, creandone uno ancora più scadente!
Chi si poteva impegnare in un film simile?
Forse nemmeno un incapace come Christian De Sica sarebbe riuscito ad arrivare a tanto.
Ci voleva un attore/regista ancora più schifosamente becero e privo di dignità per imbarcarsi in un progetto così becero.
Ezio Greggio.
Un progetto idiota gestito da un idiota, tanta gnocca per distrarci e anche attori nel vero e proprio senso della parola per far finta di trovarsi di fronte a un film serio, alcuni sono comici neanche troppo terribili e ci sta perfino un attore eccezionale come Gigi Proietti. La sua sarà probabilmente una breve apparizione, basterebbe anche solo il nome a dare una parvenza di dignità, un gioiello in un mare di merda. Non possiamo neanche essere duri con lui, è un attore magnifico che, per poter continuare a fare spettacoli veramente pregevoli e vivere nello stesso tempo dignitosamente, è costretto a lavorare in pellicole di merda come questa. Se vivesse in un paese in grado di valorizzarlo per davvero non farebbe cose simili. Una tragedia tutta italiana.
Dulcis in fundo, ecco cosa ci voleva per dare un tocco di modernità a tutto questo lavoro.
Il 3d.
Sarò io, ma il 3d mi ha rotto i coglioni, non solo ti fanno pagare di più, ma ti rovini pure gli occhi. E in più non ci azzecca niente, capisco se stessimo parlando di un film d'azione, ma qui siamo di fronte a un film comico (si fa per dire), al massimo il 3d rende meglio le tette di Anna Falchi!


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Nessun commento:

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.