Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

mercoledì 29 giugno 2011

Liberi di non dire niente

Pare che dal 6 luglio l'Autorità delle comunicazioni avrà il diritto di oscurare senza permesso siti considerati non regolari. L'irregolarità dei contenuti in questione sarà definita dalla violazione del copyright. Naturalmente i criteri coi quali si va a definire una violazione di copyright potrebbero essere precisi come potrebbero non esserlo.
Partiamo dall'ipotetico scenario in cui questi criteri sono precisi e comprendono - nella migliore delle ipotesi - la copiatura integrale e non mediata di interi contenuti. Questa è una cosa che mi potrebbe anche andare benino. Su internet trovo vagonate di post e articoli che non sono altro che un triste copia incolla, anche su siti secondo me altamente sopravvalutati. Certo, qualunque ragazzino in un paese democratico e civile dovrebbe avere il diritto di scrivere copiando frasi su frasi da Beppe Grillo. Del resto in questa maniera perderemmo una marea di siti gestiti da mezze seghe senza fantasia e spirito critico che si considerano blogger solo perchè hanno un pc e una connessione decente. E sarebbe molto bello.
Molto probabilmente questi blogger senza talento dovrebbero mettersi il cuore in pace e sfogarsi su quello che molti di loro odiano e si rifiutano di usare perchè è un sito troppo commerciale, ovvero facebook. Non penso che questo discorso sul copyright si potrebbe applicare lì.
Primo perchè tutto quello che scrivi su fb è automaticamente sua proprietà intellettuale, secondo perchè una paesino insignificante come il nostro ci pensa due volte prima di intralciare gli affari di una multinazionale come quella.
Inserisci link
Secondo scenario. Un contenuto viene definito come violazione alla privacy secondo criteri poco definiti e a maglie larghe.
Questo sarebbe un problema. Cosa è violazione di copyright?
La semplice citazione?
Arriverebbero fino al punto di oscurare un intero sito che ha menzionato uno stralcio, per esempio dell'articolo 33 della Costituzione.
Altro elemento: basta che l'articolo sia sostanzialmente uguale a quello di un altro. A quel punto vedo un bel problemino: è alquanto difficile scrivere qualcosa di completamente originale anche perchè anche quando è tutta farina del tuo sacco, magari per coincidenza è stata pensata anche da un'altro tizio. Sai quante volte mi è capitato di leggere nero su bianco cose alle quali avevo già pensato anche io?

Queste due casi dei criteri a maglie larghe sono effettivamente un po' troppo pessimistici, non credo che l'Italia sia arrivata a livelli di dittorialità simili. Ma mai dire mai.
Riassumendo direi che questa è una di quelle notizie che vanno ancora soppesate: se sarà come il primo caso non sarà un grave danno, se sarà come il secondo la vedo molto dura. In ogni caso mi sembra naturale che leggi simili arrivino proprio in mezzo all'estate, quando la maggior parte della gente non ha la minima intenzione di documentarsi o darsi da fare. Vorrei far notare che già hanno provato in passato a rifilarci una simile fregatura, ma che evidentemente hanno fallito e hanno aspettato di ripassare a giugno-luglio per l'appunto.
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

lunedì 27 giugno 2011

Grandi cantanti che escono di scena

Vasco Rossi annuncia di voler smettere di fare la Rockstar.
Le uniche osservazioni che dovrebbe fare una persona che capisce qualcosa di musica sono le seguenti. Vasco ha smesso di fare i suoi tour:
a) Magari!
b) Tutte cazzate. Vasco ci seppellirà tutti. Cantando. Male, come sempre.
c) Perchè, Vasco è una rockstar??

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

mercoledì 22 giugno 2011

Senti chi parla

Silvio non è intelligente.
Questo è quanto emerge nelle intercettazioni fra Stefania Prestigiacomo e Luigi Bisignani, uno dei protagonisti dell'indagine sulla P4.
L'italiano medio è notoriamente stupido. Se viene a sapere che il suo Presidente del Consiglio va a zoccole inizia a leggere il giornale con interesse e passione, ma se ne frega quando sente che il Presidente è scemo.
Questa notizia verrà probabilmente passata in sordina e seppellita da qualsiasi notizia più stupida ma più appetibile.
Tutta la faccenda verrà presto dimenticata e la Prestigiacomo e Berlusconi faranno finta che questa cosa non sia mai stata detta, al limite diranno che è la solita macchinazione dei giornalisti comunitsti. La Prestigiacomo non ha il fegato per mandare a quel paese pubblicamente il boss e Berlusconi deve continuare a buttare la merda sotto il tappeto per dire che va tutto bene.
Forse è un bene. Ci perdiamo gli inevitabili dibattiti a riguardo, dibattiti in cui verrebbero imbastite difese nei confronti del premier sul fatto che la Prestigiacomo ha detto queste cose per ripicca nei confronti dell'uomo che le aveva promesso grandi cose e che alla fine le ha rifilato un Ministero che vale quanto il due di briscola e perdipiù difficile da gestire. Tutte cose che effettivamente penso pure io, anche se mi fa molto piacere sapere che anche uno dei servi berlusconiani ha una pessima opinione del capo. Del resto si sa, pagando una troia puoi comprare il suo corpo, non il suo cuore.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

martedì 21 giugno 2011

Idioti preziosi

Berlusconi si trova di fronte a un bivio politico.
Imbarazzanti risultati politici quali l'esito del referendum e delle elezioni a Milano lo hanno messo in profonda difficoltà. Non lo mettono in difficoltà nei confronti degli elettori, tanto il popolo italiano può essere facilmente gabbato con quei sondaggi autoerotici che il nostro Presidente ama tirar fuori quando è in difficoltà e che dicono che il 60% degli italiani approva il suo Governo (i campioni presi in considerazione sono in genere i 10 spettatori de Il Bagaglino).
No, il Governo non si preoccupa di quello che pensano i cittadini italiani, si preoccupa di quello che pensano i leghisti.
I leghisti si sono offesi e si sono ritirati a Pontida a piagnucolare su quanto i loro alleati li stanno mettendo in imbarazzo con questa sconfitta.
Mi scappa da ridere: viviamo in un mondo all'incontrario.
Berlusconi possiede la Televisione italiana, ma accusa la Sinistra di possedere in maniera dittatoriale i mezzi di comunicazione del Paese; la Lega è un Partito di ritardati e incapaci ignoranti, xenofobi e senza capacità politica in termini di programmi a lungo termine, e accusa Berlusconi di metterla in imbarazzo.
E Berlusconi si trova di fronte al bivio.
Non può più rimandare la decisione. Non può temporeggiare raccontando una barzelletta: non può sperare di gettare fumo negli occhi con dichiarazioni provocatorie che scatenino polemiche e altre incomprensioni; forse neanche unaltro scandalo sessuale riuscirebbe a deviare la nostra attenzione da argomenti più importanti.
Le elezioni a Milano l'hanno detto chiaro: Berlusconi sta perdendo la presa degli alettori al nord.
Il luogo dove il PdL continua ad andare forte, escludendo Napoli dove ha inaspettatamente vinto De Magistris, è il Sud. La Sicilia è da sempre nelle mani della Mafia. E casualmente del PdL e dell'UDC. La Calabria, a lungo schierata a Sinistra e quindi fino a poco fa bollata dai rappresentanti di Governo come regione incivile e arretrata, è passata a Destra e ora diventerà improvvisamente una regione rivalutata e apprezzata.
In maniera altrettanto casuale è stato varato in questi giorni la manovra che riguarda lo sviluppo, con numerose clausole che incoraggiano gli investimenti al sud.
Inutile dire che questo non piacerà a Bossi e al suo gruppo di amici mentalmente svantaggiati.
La decisione che dovrà prendere Berluasconi è questa: restare col vecchio compagno leghista o cambiare completamente rotta e schierarsi col sud che (non capirò mai perchè) si schiera masochisticamente con lui.
Se si schiererà con la Lega, Berlusconi dovrà annullare di nuovo tutti i programmi per lo sviluppo al Sud, sperando di riguadagnare voti nelle grandi città del nord perchè con la sola Varese e le varie provincie polentoni in mano alla Lega e al PdL non si ottiene molto; se si schiererà col Sud, Berlusconi dovrà fare un grosso voltafaccia nei confronti della Lega e sperare che la Mafia continui a farlo vincere al Sud.
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

venerdì 17 giugno 2011

Essere monotematici

Alla veneranda età di 25 anni mi ritrovo ancora a convivere con i miei genitori, cosa neanche rara per i miei coetanei. Anzi.
Tutto questo serve a darmi una giustificazione per il fatto che mi sono ritrovato a sfogliare L'Espresso che mio padre ha portato in casa. Inizio a odiare L'Espresso. Anche mio padre lo odia a volte ma, come quegli italiani che votano Berlusconi e ti dicono tanto gli altri sono peggio, al massimo ogni tanto lo critica pur continuando a comprarlo.
Insomma, oggi sfoglio L'Espresso e vedo la copertina che lascia presagire un articolo su Berlusconi. Sai che novità!
Fottendomene altamente della copertina sfoglio il giornale a caso e capito su quella che era la copertina inizialmente prevista per questa settimana: uno speciale sulle Università italiane, su come scegliere la migliore Facoltà in base alle proprie aspettative lavorative.
Non è la prima volta che fanno così.
Ultimamente decidono di cambiare la prima pagina in base agli ultimi eventi. E gli ultimi eventi riguardano sempre il solito stronzo.
La cosa che mi fa imbestialire era che l'articolo sulle Università non sarebbe stato niente male come alternativa!
Per me ormai è troppo tardi, dato che sono ormai laureato col mio bel pezzettino di carta da culo, ma era dannatamente sensato un articolo così, proprio in periodo di esami di maturità.
Uno studentello di liceo sufficientemente sveglio studia per l'esame, fa l'esame e mentre prepara la valigia per andare a godersi la famosa vacanza dopo il liceo dà una letta a un articolo simile.
Ok, dopo la Maturità neanche Lisa Simpson vuole sentire arlare di Università, diciamo allora che il ragazzino in questione (se non è così idiota da decidere di spegnere il cervello per il resto della vita perchè pensa di aver studiato abbastanza al liceo) potrebbe prendere la rivista, mettersela fra i bagagli e leggersela con calma durante il viaggio. E poi magari, in base a quanto letto, potrebbe scegliere con più criterio la giusta Facoltà.
Invece no.
Un articolo potenzialmente intelligente e che potrebbe alzare il livello delle nostre letture che viene surclassato dai soliti articoli scontati, moralisti e pieni di astio verso Berlusconi.
Io sono per l'antiberlusconismo, sono per l'odio, sono per il suo sputtanamento.
Ma a questo punto mi sono rotto il cazzo!
Possibile che, invece di scrivere qualcosa di costruttivo, continuate con la solita e inutile campagna contro la persona di Berlusconi?
Tanto non serve a un cazzo.
Sono mesi che credono di sputtanarlo dicendo quanti soldi spende e quante fiche compra o almeno affitta eppure, chissà perchè, continua imperterrito a fare così!
Ragazzi, continuate così e mi costringerete a dire una cosa bruttissima: HA RAGIONE BERLUSCONI A DIRE CHE LO PERSEGUITATE
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Adoro l'odore del napalm di primo mattino

Immaginate di avere la possibilità di chiamare un attacco aureo con un carico letale di bombe al napalm. E di non essere per un giorno masochisticamente pacifisti come forse lo siete sempre stati. Su chi lancereste quest'attacco?
1) Riunione di leghisti a Pontida
2) Convention PdL
3) Concerto di Vasco Rossi
4) Concerto dei Tokio Hotel
5) Manifestazione di papa boys
6) Feste dell'Unità e affini
7) Evento del Movimento 5 Stelle
8) Manifestazione del PD
9) Altro. Non mi dite che poi che non lascio una vasta scelta!
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

martedì 14 giugno 2011

Ridiamoci su

Google mi ha bloccato l'account Adsense.
Non mi va di fare il finto tonto e lo posso anche ammettere: ultimamente c'erano delle irregolarità per quanto riguardava i click sui banner pubblicitari in siti dove scrivevo.
Dopo aver preso stoicamente questa brutta notizia (piangendo per svariate ore sul cuscino in camera mia) ho deciso di fare il punto della situazione.
Ok, ho fatto il furbo ed è giusto che me l'abbiano bloccato e che non mi mandino gli ultimi 100 euro che avevo accumulato. Del resto si trattava di 100 euro guadagnati nell'arco di un anno e mezzo, una cifra così irrisoria che un ragazzino keniota, una volta saputo quanto guadagnavo, aveva deciso di adottarmi per garantirmi delle condizioni di vita migliori.
Più che altro mi colpisce il modo in cui hanno stabilito che i miei traffici ero irregolari.
Perchè se ne sono accorti?
Mica sono così scemo da clickarmi da solo le pubblicità sul computer di casa e nemmeno clickare e poi collegarmi dallo stesso computer sul mio account!
Hanno visto che i click aumentavano in maniera sospetta rispetto al solito?
Non è forse possibile che io sia perseguitato da un'ammiratore segreto che va periodicamente sui miei blog e si mette a clickare proprio quelle pubblicità periodicamente?
È una cosa che non capitò mai e non mi voglio prendere la briga di farmela spiegare.
Pezienza, vuol dire che d'ora in poi su questo blog non appariranno più annunci imbarazzanti tipo riviste PdL, corsi universitari farlocchi o confezioni miracolose di viagra.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

lunedì 13 giugno 2011

Siamo agli sgoccioli per il voto, ma le previsioni dicono che il quorum è stato ottenuto e che i 4 sì hanno vinto.
Occorre aspettare ancora qualche ora per avere i risultati definitivi, ma si può già essere ottimisti.
Inziamo a spassarcela ascoltando le dichiarazioni del Governo e le relative minimizzazioni su quanto sono stati bastonati.
Tutte quelle tirate sulla volontà popolare e sul fatto che il Popolo è schierato con loro blablablabla ora dove se le possono mettere?
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

domenica 12 giugno 2011

Seggi fantasma

Forse è una giustificazione per fornirmi un alibi sul fatto che non ho votato entro mezzogiorno, dato che mi sono svegliato tardi dopo una notte di bagordi.
Fra i tanti messaggi su internet che riguardavano il referendum c'era quello che ci spingeva a votare entro le 12, dato che così i dati sull'affluenza sarebbero stati abbastanza alti da spronare gli indecisi a votare.
Non mi sembra il caso.
Gli indecisi del referendum non sono veramente indecisi: puoi essere indeciso se votare o no il tuo partito perchè, anche se magari ti rispecchi in quegli ideali, non hai ancora trovato un candidato che abbia quel minimo di testicoli per darti sicurezza (un esempio decisamente poco casuale!). Ma non puoi essere indeciso su un referendum: o vuoi abrogare una certa legge o non la vuoi abrogare.
I cosiddetti indecisi dei referendum non sono mai indecisi, anche quando si astengono hanno preso una decisione Al massimo sono pigri.
E una persona troppo pigra che non ha voglia di andare a votare di sicuro non ha neanche voglia di accendere internet, fare un calcolo dell'affluenza fino a quel momento, valutare se il quorum è o meno a rischio e decidere di alzare le chiappe per andare a votare in caso
Ma veniamo al punto.
Già si discute parecchio di come sta andando il voto e, come sempre , si dicono tante cose inutili. Le cose che contano veramente si mischiano insieme a una lunga serie di questioni al confronto loro ridicole.
Una di quelle cose veriamente serie che sono state sommerse in mezzo a tante discussioni è questa.
A Ostia hanno fatto un bello scherzetto, hanno spostato all'ultimo minuto la sede dei seggi e non hanno avvertito in tempo i cittadini che volevano votare.
Io oggi sono andato a vutare in canotta e calzoncini corti, vorrei proprio vedere come avrei preso l'allegra notizia che la scuola che ho sotto casa non era più seggio e che dovevo andare in un posto da tutt'altra parte.
Per carità, probabilmente sarei andato a votare lo stesso, ma sarebbe stato alquanto scomodo e comunque, non è detto che tutti siano disposti ad andare a votare lo stesso dopo un imprevisto non certo gradevole come questo.
Risultato?
6000 elettori che dovevano andare in quei seggi hanno preso una fregatura, non so quanti di loro finiranno per mandare tutti a quel paese e per marinare il voto, fatto sta che con questo scherzo hanno rovinato la giornata un bel po' di persone.
Il tutto perchè sono degli incapaci patentati o forse perchè c'è una chiara volontà nell'ostacolare il voto.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

giovedì 9 giugno 2011

Referendum

Personalmente ritengo che la campagna ufficiosa sul referendum sia stata fatta male.
Troppo anticipo, ne parliamo almeno da 2 mesi.
Sì certo, dicono che se n'è parlato poco sui canali ufficiali (e secondo me non ci sono neanche grandi differenze con gli altri referendum) ma non ha senso questo bombardamento incessante che dura da mesi.
1) Esiste la gente poco informata, così poco informata che tanto non ha senso se qualche loro amico di fb un poco più sveglio pubblica in bacheca un video sul referendum. In ogni caso vincerà sempre qualche video su un gattino che suona il piano. Diciamocelo, la maggiorparte delle persone che ha pubblicato su fakebook video sul referendum fa parte di quel genere di persone già informate, che non hanno bisogno di un amico che glielo ricorda.
2) Personalmente ho avuto la forte tentazione di non votare al referendum per dispetto, erano così tante le volte che vedevo messaggi che lo riguardavano che non ne potevo più. Messaggi del genere vanno diffusi pochi giorni prima dell'evento, solo in quel caso hanno senso, perchè la gente decide di organizzarsi o meno se andare in mane al massimo con 1-2 settimane d'anticipo. Non tre mesi prima!

Parlandone con amici a riguardo mi è venuta in mente anche una cosa a riguardo: non sopporto tutti questi messaggi di artisti che mi fanno sapere che voteranno 4 sì.
Caterina Guzzanti mi sta molto simpatica, mi piace e la stimo come artista, ma non me ne fotte niente di cosa pensa riguardo al referendum. Sarò all'antica, ma sono dell'opinione che io ritenga molto più autorevole il parere di un fisico o di un ingegnere sulla questione nucleare e non un'attrice o un cantante.
In ogni caso, se io ritengo poco seria l'opinione di un artista, ritengo ancora meno seria l'opinione di un artista di merda, che già è tanto se lo definisco artista.
Vasco Rossi dice che voterà Sì all'acqua pubblica e No (ovvero è favorevole) al nucleare. Le ragioni esposte sono le stesse che sentiamo da 24 anni da parte dei pro nucleare. E cos Vasco fa il salto della quaglia. Strano che riesca a farlo un salto, con quell'anca da settantennte che si ritrova.
Questo si che è un ottima maniera per decidere se si è a favore o contro il nucleare: ascoltare quello che dice Vasco Rossi!
E fare il contrario di quello che dice quel coglione


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

domenica 5 giugno 2011


Bellissimo, eccezionale, roba da spellarsi le mani a forsa di applaudire.
2 minuti in cui quest'uomo non dice sostanzialmente nulla di utile.
Un uomo inizia uno sciopero della fame e non ti fa neanche capire il perchè se non alla fine del video, senza comunque esprimere in maniera chiara i passi con i quali vorrebbe ottenere quello che vuole. Non so se ridere o piangere di fronte a cotanta stupidità.
Ho capito cosa vuole ottenere, ma non ve lo dirò.
Non mi va di fare l'insegnante di sostegno di Pannella per quanto riguarda il potere comunicativo dei suoi comunicati politici.
Francamente non ho voglia di documentarmi su quanti scioperi della ha fatto durante la sua vita politica e cosa voleva ottenere, aspetto che venga creata l'apposita pagina su wikipedia.
Fatto sta che ogni volta mi chiedo le seguenti cose:
1) Perchè se fa così spesso lo sciopero delle fame è un grassone?
2) Non potrebbe fare uno sciopero della fame per ottenere qualcosa di politicamente decisivo? Mi vengono in mente 2 o 3 recenti avvenimenti per i quali poteva farci un pensierino. Evidentemente perchè le cose veramente importanti interessano a persone più influenti di lui e. probabilmente, se si mettesse a sciooperare per cose simili e per davvero, rischierebbe di morire per davvero d'inedia.
Magari lo facesse!

venerdì 3 giugno 2011

Dottor Morte (?)

Oggi è morto Jack Kevorkian, medico, pittore, attivista nella lotta civile nel diritto all'eutanasia.
Possiamo sopra ammirare il simpatico soprannome che gli hanno affibbiato i giornalisti del TIME.
Una graziosa coincidenza vuole che Dr. Morte fosse lo stesso soprannome che venne dato a Mengele, il medico tedesco reso famoso per i suoi esperimenti scientifici su cavie umane nei campi di concentramento.
Sarebbe interessante sapere se questo soprannome è stato scelto involontariamente per colpa di un giornalista particolarmente ignorante o se fu una scelta voluta e calcolata, volta ad accostare i due personaggi.
In ogni caso è una scelta idiota.
Mengele faceva esperimenti contro la volontà degli stessi partecipanti, il fatto che da nazista non li considerasse come esseri meritevoli di rispetto non vale, dato che i suoi crimini contro l'umanità furono condannati coi processi del dopoguerra; Kevorkian ha operato su pazienti consenzienti che gli chiedevano esplicitamente di morire invece di lottare senza speranza contro malattie che di li a poco li avrebbero distrutti.
Kevorkian ha subito svariati processi durante la sua carriera, uscendo dalla maggiorparte di essi come non colpevole. Risultò colpevole solo in uno di questi per cavilli legali che gli sfuggirono e per un simile scherzetto fu condannato a 25 anni, vedendosi anche revocata la licenza professionale. Mengele non ha mai passato neanche una notte in prigione, dato che fuggì in Brasile e morì di cause naturali, pur senza rinnegare neanche una delle sue malefatte.
Kevorian è morto poco dopo delle complicazioni mediche che hanno portato la malattia a una rapida degenerazione.
Qualche ritardato mentale può avere da ridire sul fatto che il paladino dell'eutanasia non abbia voluto applicare a sè stesso quello per cui si è battuto.
Peccato che il ritardato mentale in questione non si renda conto che le persone non la pensino allo stesso modo. Chi consiglia soluzioni drastiche a un paziente non è detto che le vorrebbe applicare per se stesso, anche perchè la natura della malattia di Kevorkian poteva essere di gran lunga differente dalla malattia dei pazienti che gli chiesero di - usiamo pure il termine poco diplomatico che ci vuole! - ammazzarli.
Ma i ritardati che hanno criticato in vita Kevorkian non capiscono simili sfaccettature.
Gli ci vorrebbe un parente in condizioni critiche per capire simili situazioni, dato che mancano di fantasia!

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.