Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

domenica 12 giugno 2011

Seggi fantasma

Forse è una giustificazione per fornirmi un alibi sul fatto che non ho votato entro mezzogiorno, dato che mi sono svegliato tardi dopo una notte di bagordi.
Fra i tanti messaggi su internet che riguardavano il referendum c'era quello che ci spingeva a votare entro le 12, dato che così i dati sull'affluenza sarebbero stati abbastanza alti da spronare gli indecisi a votare.
Non mi sembra il caso.
Gli indecisi del referendum non sono veramente indecisi: puoi essere indeciso se votare o no il tuo partito perchè, anche se magari ti rispecchi in quegli ideali, non hai ancora trovato un candidato che abbia quel minimo di testicoli per darti sicurezza (un esempio decisamente poco casuale!). Ma non puoi essere indeciso su un referendum: o vuoi abrogare una certa legge o non la vuoi abrogare.
I cosiddetti indecisi dei referendum non sono mai indecisi, anche quando si astengono hanno preso una decisione Al massimo sono pigri.
E una persona troppo pigra che non ha voglia di andare a votare di sicuro non ha neanche voglia di accendere internet, fare un calcolo dell'affluenza fino a quel momento, valutare se il quorum è o meno a rischio e decidere di alzare le chiappe per andare a votare in caso
Ma veniamo al punto.
Già si discute parecchio di come sta andando il voto e, come sempre , si dicono tante cose inutili. Le cose che contano veramente si mischiano insieme a una lunga serie di questioni al confronto loro ridicole.
Una di quelle cose veriamente serie che sono state sommerse in mezzo a tante discussioni è questa.
A Ostia hanno fatto un bello scherzetto, hanno spostato all'ultimo minuto la sede dei seggi e non hanno avvertito in tempo i cittadini che volevano votare.
Io oggi sono andato a vutare in canotta e calzoncini corti, vorrei proprio vedere come avrei preso l'allegra notizia che la scuola che ho sotto casa non era più seggio e che dovevo andare in un posto da tutt'altra parte.
Per carità, probabilmente sarei andato a votare lo stesso, ma sarebbe stato alquanto scomodo e comunque, non è detto che tutti siano disposti ad andare a votare lo stesso dopo un imprevisto non certo gradevole come questo.
Risultato?
6000 elettori che dovevano andare in quei seggi hanno preso una fregatura, non so quanti di loro finiranno per mandare tutti a quel paese e per marinare il voto, fatto sta che con questo scherzo hanno rovinato la giornata un bel po' di persone.
Il tutto perchè sono degli incapaci patentati o forse perchè c'è una chiara volontà nell'ostacolare il voto.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Nessun commento:

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.