Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

mercoledì 30 marzo 2011

Tanta pubblicità e tanta attesa. Ma più che il film mi sembra una stanca telenovela che va avanti da tempo. Dal triste finale prevedibile.

lunedì 28 marzo 2011

Oggi muore Paul Baran, pioniere nella creazione di Internet.
Ingegnere di origine polacca, è sua l'idea dello comunicazione a pacchetto, ovvero lo spezzettamento di informazioni che viaggiano più velocemente via etere per essere poi ricomposte a distanza.
La sua esistenza e notizia di decesso sono passate piuttosto inosservate qui in Italia, a tal punto che, come vedete sopra, ho dovuto ricorrere a una pagina inglese per descrivere la sua biografia in modo da ovviare a una laconica e imbarazzante versione italiana.
A voi le triste considerazioni sul lutto e le relative polemiche sull'ignoranza
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

domenica 27 marzo 2011

Piagnistei a go go

La cosa che salta più all'occhio di questo articolo è che non sapresti distinguerlo da uno di quei link esaltati che troviamo su facebook o sul blog di un adolescente arrabbiato e indignato che urla allo scandalo quando scopre che i Tokio Hotel hanno vinto l'Mtv Music Award. Peccato che invece stiamo parlando di un articolo di giornale, che teoricamente dovrebbe essere scritto in maniera meno infantile. Certo, stiamo parlando di un giornale di merda come Il resto del Carlino, ma parliamo sempre di una di quelle testate giornalistiche foraggiate da milioni di soldi pubblici per scrivere le loro minchiate. Già è tanto che io debba pagare gente per scrivere stronzate, vedete almeno di essere professionali! Qual è l'argomento di cotanto scandalo per l'incapace foraggiata dai soldi pubblici in questione? L'atto vandalico nei confronti di una targa che commemora la visita di Giovanni Paolo II a Imola.
Un’offesa all’uomo, al Papa, alla cittadinanza.
Ma vai a cagare! Con tutti gli atti vandalici che vediamo in giro, l'unico che ci deve interessare è quello compiuto su una targhetta commemorativa di merda. L'incapace esaltata passa poi in rassegna a una lunga serie di altri atti vandalici che dovrebbero scandalizzare la comunità, come targhe sulla commemorazione dell'11 settembre, della strage di Bologna e su un'altra scandalosa azione vandalica sempre su una targa su Giovanno Paolo II. Come se fossero legate da un progetto più vasto. Se aggiungiamo che come segno di riconoscimento era stato messo quello anarchico allora giù con le invocazioni alla giustizia: ergastolo, sedia elettrica, castrazione chimica, rogo per l'anarchico vandalo! Certo, pure io non ci vado giù in maniera tenera coi vandali. Ma chissà perchè questi ci danno giù solo a quelli che se la prendono con Giovanni Paolo II. Il che mi ricorda che fra qualche settimana inizierà l'isteria piagnucolosa collettiva in preparazione della sua santificazione. Tocca chiudersi in casa ed evitare le solite frotte di polacchi e baciapile piagnoni da ogni dove. Che palle!
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

giovedì 24 marzo 2011

Emergenza nucleare

Qualche giorno fa ho parlato della questione nucleare.
Dopo una dura giornata di lavoro oggi ho fatto il grave errore di connettermi a faccialibro per svagarmi e ho trovato l'avviso di una mia amica, consistente in una di quelle simpatiche catene di persone che credono di cambiare il mondo stando collegate tutto il giorno su internet condividendo link socialmente utili secondo i canoni personali.
L'avviso incriminato era un avvertimento sul pericolo delle radiazioni dovute alla nube radioattiva che presto arriverà in Italia. Consigli dell'avviso: stare chiusi in casa e mangiare sale iodato. Come se bastasse in caso di minaccia reale.
La mia amica in questione è una nota isterica che adoro prendere per il culo, ma la sua argomentazione principale era il definire le fonti del suo messaggio come ATTENDIBILI.
Divertito più che altro da tale definizione ho dato un'occhiata.
Questo si tratta di un argomento alquanto spinoso perchè ideologicamente puzzolente.
Chi è di Destra tende a minimizzare, perchè spera in un Governo che approvi la costruzione di centrali nucleare (in barba agli avvenimenti), chi è a Sinistra tende a ingigantire, in modo da ostacolare il nucleare.
E a me queste prese di posizione per principio fanno notoriamente schifo.
In fondo basta guardare il nome della fonte e diffidare sia individui come Scajola, sia di quelli come Alfonso Pecoraro Scanio.
Questa fonte ad esempio è un poco più fattibile.
L'evenienza che la nube passi per l'Italia è soggetta a calcoli probabilistici, più probabilmente passerà per la Francia (ai francesi in fondo il nucleare piace quindi è giusto) mentre l'eventualità che passi da noi è meno fattibile. Il grado di molecole radioattive nell'aria sarebbe comunque non problematico. E le fonti ATTENDIBILI già crollano.
Per carità, mi piace spizzare qualche articolo di Giornalettismo, va bene l'informazione alternativa, ma anch'essa va presa con le pinze.
Il problema è fondamentalmente semplice.
Non è la prima volta che ci sono fuoriuscite radioattive, chi ha uno sputo di cultura conosce senza problemi quella di Chernobyl dell'86, chi si documenta un po' di più sa che ve n'è una anche precedente in America a Three Mile Island (ovviamente meno conosciuta perchè è molto più facile dire che siano i comunisti quelli che vogliono distruggere il pianeta!).
Anche in quei casi ci fu fuoriuscita radioattiva, anche in quei casi una nube si propagò nel mondo.
E fino a prova contraria Chernobyl è molto più vicina a noi di quanto lo sia Fukushima. Se ci siamo salvati a quella, che aveva il livello massimo conosciuto di radioattività, non avremo problemi con la fuoriuscita di Fukushima, di gran lunga più lontana e, almeno per ora, meno ingente. Inutile dire che per trovare siti senza sparate deliranti si debba cercare roba in inglese!
Detto questo non ho nessun problema nel dire che Scajola e che chiunque in questi giorni si dica favorevole al nucleare in Italia sia un emerito merdone.
Comuqnue sono sicuro che ci saranno più scene d'isteria qui in Italia, che ce l'abbiamo a migliaia di km piuttosto che in Giappone, che hanno la crisi atomica sotto casa.
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

martedì 22 marzo 2011

Dieta sana

Odio il salutismo.
Tuttavia in famiglia passo come il rompicoglioni alimentare.
Perchè fondamentalmente convivo con una banda di suini.
Eccezion fatta per mio fratello, che dovrebbe seguire una dieta. L'ennesima.
Diffcile però seguirla quando vicino a te ci sono due genitori completamente incapaci dal punto di vista alimentare.
Mia madre è ambivalente: a volte segue la dieta, anche troppo e cucina in maniera quasi volutamente punitiva, poi sputtana tutto con infrazioni criminali, tipo mandare tutto a puttane arrivando in casa con una torta alla ricotta dopo una giornata di stenti.
Mio padre è stato ufficialmente esautorato come cuoco. Ufficialmente, perchè quando nessuno fa attenzione si insinua in cucina e fa da mangiare per tutti e a quel punto lo si può cazziare quanto ti pare, ma si cede perchè è un peccato non mangiare quello che ha fatto e cucinare di nuovo roba sana. A volte non so se la sua è un'incapacità grave o c'è sotto un'inspiegata e sadica volontà a opporsi alle diete per cui lui stesso ha pagato fior di dietologi.
Ieri mia madre era partita bene, aveva fatto un riso in bianco perchè mio fratello stava male. Faceva schifo e l'aveva fatto a cena, ma se non altro era per l'appunto dietetico.
Questo terribile pasto ha provocato in mio padre una reazione drastica e ha deciso di fare un condimento per il riso di contrasto: ha fatto i fagioli e messo il pane al forno.
Io non sono una di quelle checchine isteriche che si concedono un formaggio magro a capodanno e vanno avanti a Valsoia, ma mi pare che riso+fagioli+formaggio sia un pasto alquanto imbecille se stai a dieta. Forse dovrei preparare per mio padre uno di quegli opuscoli per bambini delle elementari che usano per l'educazione elementare, magari un formato cartoon di orsetti che ti insegnano quelle cose che puntualmente glissa come evitare la pasta a cena, non mangiarla due volte al giorno ed evitare di imburrare la pancetta. Ma forse sarebbe meglio mettere un lucchetto al frigo.

sabato 19 marzo 2011

Alla conquista dello scatolone di sabbia

Se mi dovessero chiedere se io pacifista in questi tempi risponderei di no.
Sì certo, la guerra è brutta e barbara etc etc...ma l'idea di prendere a fucilate i leghisti mi intriga altamente. La violenza andrebbe in linea di massima evitata, ma a volte ci sta, specie contro dei ritardati a loro volta violenti.
Detto questo direi che sono però contrario al famoso intervento contro la Libia.
L'Italia metterà a disposizione le basi per gli attacchi aerei contro la Libia.
Noi non ci sporchiamo le mani, in compenso saremo la base principale da cui partiranno gli attacchi. Vagamente ipocrita.
Questo attacchi dovrebbero impedire ulteriori soprusi nei confronti delle popolazioni attaccate dal rais. Ma scommetto che qualche episodio di friendly fire nei confronti dei civili che dovremmo difendere ci scapperà.
Amo ripetere che noi italiani, che fino a qualche mese fa stavamo a sbaciucchiarci con Gheddafi, ora saremo fra i suoi principali nemici. Non credo che la Libia riuscirà a contrattaccare via aria e colpire il suolo italiano, ma resta il fatto che ci abbiamo fatto l'ennesima figura di cacca.
Ma non è tanto quello il problema.
Il problema non è che la guerra è sbagliata a prescindere, il problema è che questa sarà una guerra idiota per come è iniziata.
La guerra fa parte delle soluzioni veloci: non costruisci, ma distruggi, non ti metti d'accordo, ma ammazzi. In quanto soluzione veloce avrebbe senso se fosse attuata in maniera veloce.
Cosa che in questo caso non è.
Gheddafi sta ammazzando rivoltosi e civili dissidenti da almeno un mese.
E noi interveniamo solo ora, neanche direttamente, dato che butteremo principalmente bombe. Se fosse vero che noi stiamo facendo tutto questo per proteggere la popolazione, non potevamo darci una svegliata prima invece che aspettare e ritrovarci con già qualche migliaio di morti ammazzati?
Aggiungiamo un punto.
Personalmente non capisco molto bene chi stia vincendo, se i libici o i rivoltosi.
Se le sorti della guerra sono incerte è proprio perchè non ci siamo mossi prima.
Ora rischiamo che vincano i libici e spazzino via tutti i ribelli. A quel punto non basteranno più gli attacchi aerei, dato che sono un semplice supporto e una volta che saranno stati spazzati i ribelli dovremo essere noi ad attaccare la Libia anche via terra. E a quel punto entrano in campo anche le difficoltà d'occupazione come quelle che sono state affrontate in Iraq o Afganistan.
Non si può fare così, se devi entrare in guerra fallo subito, se esiti a quel punto meglio lasciare stare e non intervenire per niente.
A meno che non ci sia una chiara volontà.
Magari abbiamo deciso di attaccare volutamente in ritardo. In fondo i paesi occidentali si sono ritrovati di fronte al solito dilemma: chi è il male minore, Gheddafi o un'eventuale repubblica di fratelli islamici? Forse hanno deciso di aspettare che si scannassero a vicenda e vedere alla fine chi ne esce fuori per decidere se allearcisi. O fotterlo a sua volta.
Ora non vorrei essere il solito egoista che parla degli affarucci della nostra stupida nazione mentre qui ci sono cambiamente ben più vasti, ma mi è venuto un ulteriore pensiero.
Non è che ora Berlusconi con la storia della guerra in corso ha una giustificazione per non farsi processare? Capaci che l'hanno fatto apposta...

Nota. Ho scoperto perchè, almeno in Italia, ci sono stati ritardi nella decisione di attaccare la Libia. La Lega si opponeva perchè con la guerra si teme un ulteriore ondata di immigrati. A parte il fatto che il povero cristo che sbarca in Italia lo fa solo perchè è il paese più vicino, punterebbe più a nord e non ha nessuna intenzione di stabilirsi in questo paese di merda. Contiamo anche che gli immigrati arriverebbero probabilmente con o senza la guerra. I motivi di quest'opposizione alla guerra dei leghisti, per i quali è meglio far crepare dei poveracci sotto una dittatura per evitare di rischiare di doverli accogliere, mi scandalizzano come non mi scandalizzavo da un po' di tempo. Poi uno si chiede perchè non mi dispiacerebbe una guerra civile per sterminare tutti i leghisti!
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

venerdì 18 marzo 2011

Ieri era la festa dell'Unità d'Italia

Ieri era la festa dell'Unità d'Italia. E ha piovuto tutto il giorno

Ieri era la festa dell'Unità d'Italia. Gran bel party d'addio

Ieri era la festa dell'Unità d'Italia. Detta anche del Regno Sabaudo d'Italia; o dell'occupazione del Regno di Napoli; del Regno d'Italia tagliato a metà dal Vaticano

Ieri era la festa dell'Unità d'Italia. Fra crisi atomica in Giappone e guerra in Libia non gliene frega a nessuno nel mondo.

Ieri era la festa dell'Unità d'Italia. Non è fuori luogo una festa simile nel giorno di San Patrizio?

Ieri era la festa dell'Unità d'Italia. Ho visto parecchie bandiere italiane. Probabilmente per la maggior parte vendute da venditori ambulanti. Senza cittadinanza

Ieri era la festa dell'Unità d'Italia. Tremonti ancora non riesce a tagliare l'Italia. Per ora

giovedì 17 marzo 2011

W l'Italia (?)

Oggi è il 150esimo anno dalla nascita dell'Unità d'Italia.
Del Regno Sabaudo d'Italia, tanto per essere precisi.
E qui cominciano le rogne. Stiamo festeggiando l'anniversario della nascita di un regno di incapaci che, per fortuna, non esiste più.
L'Italia come Repubblica è nata un tantinello dopo, ma purtroppo non possiamo festeggiarla in quel modo, dato che fu fondata dalle toghe rosse.
In ogni caso non è per niente detto che la Costituzione nata in quel periodo sarà ancora in vigore l'anno prossimo, quindi a che serve ricordare la nascita della nostra Repubblica?
Tornando all'anniversario del Regno Sabaudo d'Italia.
Qualsiasi cosa che dia fastidio alla Lega è cosa buona e giusta.
A prescindere da quanto valeva il Regno d'Italia, a prescindere dalle infinite porcate e figure di cacca che ci ha fatto fare, a prescindere da quanto la dinastia dei Savoia sia una casata composta da incapaci belluini escludendo Eugenio di Savoia (che comunque non procreò per migliorarla ed è un eccellente esempio di cervello in fuga).
A prescindere da tutto questo rendiamo onore al Regno d'Italia.
Perchè dà fastidio alla Lega.
Solo per quello.
Tanto l'hanno detto chiaramente, solo quest'anno questo giorno varrà come festa nazionale, i prossimi non potremmo neanche averlo come giorno di riposo, così i Leghisti e la Marcegaglia sono tanto contenti.
Quest'anno non mi sono dato ai festeggiamenti nella Capitale, fondamentalmente perchè ero stanco e considero queste affollate iniziative di notti bianche alquanto tristi: sono squallide se non c'è nessuno e sono squallide se sono affollate, inevitabilmente frequentate da burini che sperano di uscire e scroccare concerti gratis.
Sapete per quale anniversario mi farebbe piacere uscire e festeggiare?
L'anniversario della breccia di Porta Pia.
Quello sì che è un grande giorno per l'Italia!
Che cazzo hai da festeggiare nell'anniversario di un Regno d'Italia tagliato a metà con lo Stato Vaticano in mezzo ai coglioni?
Che cazzo ti festeggi a fare dopo aver perso una Guerra Mondiale, anche se hai cambiato schieramento negli ultimi 2 minuti?
La conquista di Roma e l'abbattimento dello Stato Pontificio, quello sì che è un grande anniversario da festeggiare, per il quale scenderei pure in Piazza del Popolo nonostante odi cercare parcheggio nel centro.
Ma tanto non succederà mai. E io me ne resto in casa.
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

domenica 13 marzo 2011

Nucleare? bho

Si parla inevitabilmente di nucleare in concomitanza col terremoto in Giappone che ha rischiato di causare fuoriscite gravi di materiale radioattivo. Ho anche letto un post che gioiva dell'evitata catastrofe e accusava la Sinistra di aver gufato perchè invece ci fosse una fuoriuscita significativa, in modo da strumentalizzare la questione a favore della campagna contro il nucleare.
Il problema non si pone. Le polemiche ci sarebbero state in ogni caso, come vediamo bene questi giorni, fra l'altro non c'è bisogno che scoppi una centrale nucleare in un altro paese per poter dire che non se ne debba costruire una in Italia. Basta dire che in Italia siamo così incapaci che probabilmente la faremmo esplodere.
Il punto non è questo.
Nucleare o non nucleare? Molte persone sono portate a dire di no a qualsiasi proposta del Governo, direbbero di no anche a una notte di sesso con la Carfagna. Io non sono uno di quelli.
Ma in questo caso dico no al nucleare.
Non per fede politica, è semplice ragionamento.
Non sono un ambientalista, non lo sono mai stato. Personalmente credo sia stata una somma minchiata abolire il nucleare in iItalia dopo Chernobyl. Tutta l'Europa va avanti col nucleare e noi stiamo anche ai mulini a vento.
Questo è uno di quei ragionamenti che solitamente mi renderebbe bollabile come reazionario da parte di uno di Sinistra e come ipocrita da parte di uno di Destra.
Il ragionamento che ho esposto è il cavallo di battaglia della Destra.
Il caro vecchio discorso del LO FANNO TUTTI.
Peccato che questo discorso applicato sempre e comunque sia doppiamente superficiale.
Questo tormentone lo sentiamo spesso per quanto riguarda la corruzione, ma il destromane che ne fa uso e abuso mette sullo stesso piano una persona che viene trovata con un transessuale con un individuo accusato di falso in bilancio, prostituzione minorile, concussione, abuso d'ufficio, corruzione, favoreggiamento, e associazione mafiosa. Senza contare che dei due quello che rinuncia alla sua carriera politica è solo il primo. Ma rimane un farabutto!
L'altro motivo per il quale questo discorso è superficiale è la scelta del tempo.
Gli italiani sono stati stupidi a rinunciare al nucleare, dato che tutti lo utilizzavano. 25 anni fa.
Ora che sono passati 25 anni da Chernobyl forse sarebbe bene pensare a qualcos'altro.
L'elettore di Destra grida all'innovazione, al progresso, al prestigio italiano, ma si dimentica di una considerazione fottutamente ironica: se l'Italia riprende il nucleare non starà avanti in Europa, al massimo si sarà messa in regola con un ritardo di 25 anni!
Ma l'elettore di Destra non le capisce queste cose.
Ok, sono d'accordo nel dire che gli ecologisti ci hanno riportati indietro, ma non siamo così ingenui da dire di essere avanzati quando non abbiamo fatto altro che ripescare un vecchio progetto. Non sarebbe a questo punto più intelligente e finanziare la vilipendiata Ricerca che ci potrebbe dare un nuovo tipo di energia?
Resta poi il fatto che siamo in Italia.
Il famoso inceneritore di Acerra, tanto osannato e profetizzato come il salvatore che avrebbe risolto l'allarme immondizia non funziona come dovrebbe, finchè si tratta di un inceneritore che non funziona pure pure, tanto siamo abituati ad essere pieni di spazzatura ormai, ma come lo vedete un reattore nucleare che ha delle beghe tecniche? Senza contare che pure l'Italia non ha una situazione sismica proprio eccelsa.
Comunque le chiacchiere stanno a zero.
Il nucleare come gli inceneritori sono soluzioni facili e veloci, benchè rischiose per quanto riguarda l'ambiente. Sarei ben disposto a tollerarle se fossero effettivamente veloci. Se mi dici che in Italia c'è spazzatura dappertutto e una crisi energetica e che c'è bisogno di costruire inceneritori e centrali nucleari, posso pure starci. Basta che inizi subito a costruire!
Che ci faccio con soluzioni drastiche se poi finisce che mi danno quello che voglio non in tempi veloci? L'inceneritore di Acerra ancora non ha risolto il suo problema per esempio. E la costruzione di centrali nucleari inizierà fra 2 anni. E lo dice Berlusconi, il che vuol dire che dobbiamo aggiungere volentieri anche 2-3. Allora mi state prendendo per il culo.
In 3-5 anni potremmo scoprire energie alternative e anche creare posti di lavoro fra i ricercatori. Ma quest'argomentazione scivola sull'infrangibile scudo invisibile che hanno gli elettori di destra quando siparla di argomentazioni sensate. E comunque non si rendono conto di piccoli particolari. Fra 3 anni non ci dovrebbe essere più questo Governo.
Bella mossa. Ritornare al nucleare e acchiappare i voti di quegli imbecilli che credono nella favoletta del progresso facile e aspettare che i problemi legati alla costruzione e ai rischi di una centrale nucleare se li becchi il tuo successore.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

sabato 12 marzo 2011

Puntare sul cavallo zoppo

C'era da aspettarselo.
Dopo mesi di festini, legami commerciali e entusiasmi diplomatici era ovvio che la Libia stesse cominciando a pensare di potersi considerare come un grande alleato dell'Italia. Tante belle parole, tanti bacini e strette di mano, tante condivisioni durante festini e bunga bunga (si dirà così al plurale, perchè con tante puntate di dibattiti non hanno pensato a darci vere informazioni come questa?); aggiungiamo anche che ci sono molte similitudini fra i paesi, come lo stesso peso politico ed economico e ci stiamo avvicinando pian pianinoanche per quanto riguarda il grado di democrazia.
Poi è venuta la crisi libica. L'Italia ci ha messo un po' di tempo per dare pareri netti a riguardo. Non è la prima volta che succede, in fondo ci abbiamo messo un anno anche per decidere con chi entrare in guerra nella Prima e Seconda Guerra Mondiale. Lo scopo di quest'attesa non era insensato: bisognava vedere chi era il più forte per allearci con quello! Siamo passati da un anno a quaklche settimana d'attesa: sono progressi!
Alla fine abbiamo deciso di condannare Gheddafi e ora suo figlio esprime la sua comprensibile indignazione per un simile tradimento.
Grande figura ci facciamo come sempre!
Ma non finisce qui.
Abbiamo deciso di condannare Gheddafi perchè non sarebbe stato popolare restare insieme a lui, dato che è un crudele dittatore. Il problema è che la situazione è in bilico. Gheddafi sta recuperando il terreno perduto, cosa del resto comprensibile, dato che parliamo di un esercito regolare contro dei ribelli.
Europa e USA non è detto per niente che interverranno.
Gli USA, per coerenza con la nuova politica, non possono di nuovo adottare una politica guerrafondaia; l'Europa, amo ripeterlo, politicamente non esiste: la Francia potrebbe pure intervenire, ma la Germania e l'Inghilterra sono capaci di opporsi per antichi rancori politici non di certo estinti. Aggiungiamo poi due dettagli. Il primo è legato all'equilibrio politico: puoi togliere un feroce dittatore come Gheddafi, ma chi ti dice che dopo non ne venga uno peggiore, dato che Gheddafi aveva una politica relativamente moderata?
Secondo, quanti sono i rischi che si possa scatenare una guerra di più vasta scala fra Occidente e Lega Panaraba?
Inutile dire che in questo modo è possibile che Gheddafi schiacci i ribelli e riporti tutto alla situazione iniziale: rappresaglie pazzesche, stesso concetto di quello che fece Saddam dopo la Prima Guerra del Golfo.
E l'Italia ci fa una figura barbina come sempre.
In passato è stata pappa e ciccia con una dittatura sanguinaria, poi l'ha scaricata dopo essersi fatta i suoi conticini e alla fine sarà scaricata per punizione.
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

lunedì 7 marzo 2011

C'è solo sesso e violenza in TV

Ho appena scoperto che i Griffin in questi giorni sono trasmessi il sabato sera. Dopo mezzanotte.
Il che significa che quasi nessuno li guarda, dato che il sabato sera quelli che potrebbero vederseli sono solo gli sfigati che non sono riusciti ad uscire.
Aggiungiamo poi che non ho visto un secondo di pubblicità che li annunciasse.
Mettiamo in chiaro che a volte i Griffin sono molto volgari e hanno a volte un umorismo infantile secondo me. Ma non credete che, fra Grandi Fratelli, Isole dei Famosi e Amici, in TV ci siano cose molto molto più idiote?
Perchè dobbiamo sorbirci tutta questa merda mentre i Griffin sono relegati a orari improponibili e per niente pubblicizzati?
Se pensate che ci sia una volontà a rincoglionirci tutti, allora capite che la mia era una domanda retorica.
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

venerdì 4 marzo 2011

Toh chi si rivede!

Ve lo ricordate?
L'infame e spregiudicato Marrazzo che andava a donnine (si fa per dire) coi nostri soldi?
Quel porco senza valori e principi che sfruttava la prostituzione e andava a fare festini invece di assolvere ai suoi doveri politici e dare un'immagine decorosa della sua persona?
Questo comportamento mi ricorda qualcun altro, anche se ora non mi sovviene il nome.
La differenza fondamentale è che Pierino è andato a trans.
Orbene, lo sapevate che era stato assolto?
E la notizia in questione non è nemmeno tanto fresca.
Peccato che la notizia di lui che viene colto con le mani nella marmellata non abbia avuto la stessa risonanza di lui che viene assolto per lo scandalo in questione.
Nel frattempo Marrazzo si era già dimesso ovviamente.
Se la Destra ci era andata giù pesante su di lui, la Sinistra lo aveva abbandonato perchè si era riscoperta moralista.
Il fattaccio è l'ennesima prova di quanto gli italiani siano idioti. Dal suo meschino inizio alla sua squallida fine in sordina.
Gli italiani sono come il proverbiale idiota che gli indichi la Luna e ti guarda il dito. Prendiamocela tutti con Marrazzo, dimentichiamo che è stato filmato e ricattato da ufficiali pubblici che lo hanno incastrato con dei pacchetti di cocaina, hanno fatto affari con pusher e transessuali che poi sono misteriosamente morti; dimentichiamoci che poi Marrazzo è stato assolto. E specialmente, pur contando che Marrazzo si è dimesso per un crimine che penalmente si è dimostrato non perseguibile, difendiamo un premier che ha fatto cose molto peggiori!
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

giovedì 3 marzo 2011

È passato il federalismo municipale con Fiducia annessa al Governo.
Berlusconi si presenta con fazzoletto verde.
Ora sappiamo chi lecca il culo di chi.
Siamo veramente fottuti.
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

mercoledì 2 marzo 2011

Riciclare, riciclare, riciclare


Gli ambientalisti sono degli idioti.
L'ambientalismo è uno dei temi che ancora non è stato scippato dalla Destra alla Sinistra. Ci sarà un motivo no?
Il tutto è partito da una di quelle che sarebbero le più care vecchie proposte, che vorrebbero la raccolta differenziata a Roma realmente seguita.
Peccato che abbiano fatto un casino.
Volevano fare in modo che i sacchi di immondizia del genere umido fossero buttati esclusivamente negli appositi cassonetti.
Siccome molti se ne fregano solitamente e buttano nel cassonetto dell'immondizia generica anche plastica, vetro e alluminio, hanno deciso di impedirlo.
Togliendo i cassonetti di questo genere.
A quanto ho capito l'immondizia generica andrà buttata in precisi punti di raccolta in tutta Roma e solo in precisi momenti. Significa che tutti, vecchiette, malati e disabili compresi, dovranno fare un discreto viaggetto con una discreta busta di immondizia appresso. Magari la maggior parte delle persone prenderanno la macchina per farlo e vedremo un traffico impazzito perchè tutti dopo pranzo stanno cercando di buttare la busta della cena del giorno prima.
Senza contare che tutto questo bordello non è stato annunciato come si deve.
Leggo che era stata inviata una brochure col famoso kit.
Che io non ho avuto dato che ho scoperto questa gradevole notizia 10 minuti fa.
Si sa che Roma non è propriamente una ridente città del Canton Ticino in quanto a pulizia, ma in questo modo si è pensato di abbassarci agli standard di Napoli.
Il tutto perchè i nostri ambientalisti non solo sono dei gran rompicoglioni, ma non lo sanno fare neanche bene e finirà che per colpa del loro idealismo senza senso pratico la situazione attuale peggiorerà ulteriormente.

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.