Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

mercoledì 2 marzo 2011

Riciclare, riciclare, riciclare


Gli ambientalisti sono degli idioti.
L'ambientalismo è uno dei temi che ancora non è stato scippato dalla Destra alla Sinistra. Ci sarà un motivo no?
Il tutto è partito da una di quelle che sarebbero le più care vecchie proposte, che vorrebbero la raccolta differenziata a Roma realmente seguita.
Peccato che abbiano fatto un casino.
Volevano fare in modo che i sacchi di immondizia del genere umido fossero buttati esclusivamente negli appositi cassonetti.
Siccome molti se ne fregano solitamente e buttano nel cassonetto dell'immondizia generica anche plastica, vetro e alluminio, hanno deciso di impedirlo.
Togliendo i cassonetti di questo genere.
A quanto ho capito l'immondizia generica andrà buttata in precisi punti di raccolta in tutta Roma e solo in precisi momenti. Significa che tutti, vecchiette, malati e disabili compresi, dovranno fare un discreto viaggetto con una discreta busta di immondizia appresso. Magari la maggior parte delle persone prenderanno la macchina per farlo e vedremo un traffico impazzito perchè tutti dopo pranzo stanno cercando di buttare la busta della cena del giorno prima.
Senza contare che tutto questo bordello non è stato annunciato come si deve.
Leggo che era stata inviata una brochure col famoso kit.
Che io non ho avuto dato che ho scoperto questa gradevole notizia 10 minuti fa.
Si sa che Roma non è propriamente una ridente città del Canton Ticino in quanto a pulizia, ma in questo modo si è pensato di abbassarci agli standard di Napoli.
Il tutto perchè i nostri ambientalisti non solo sono dei gran rompicoglioni, ma non lo sanno fare neanche bene e finirà che per colpa del loro idealismo senza senso pratico la situazione attuale peggiorerà ulteriormente.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Che dire. Una pena ed un aumento del degrado sempre più totale.

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.