Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

giovedì 29 maggio 2008

Stai karma!

Non ho problemi nel dire che adoro questa donna.
Ultimamente se n’è uscita dicendo che il grande terremoto in Cina è il prodotto del cattivo Karma per come i cinesi si sono comportati in Tibet.
Per carità, il linguaggio è ovviamente filtrato da quello hollywoodiano che prevede, fra le tante mode, la credenza nel karma e cazzate simili.
Resta il fatto che ha ragione.
Così si imparano, anche perché alla fin fine non credo che, nonostante tutti quei morti in Cina si facciano poi tanti problemi.
Laggiù c’è una densità di popolazione così alta che se gli tiri un mortaretto ci sono 20 morti e 170 feriti.
Immediata la reazione cinese, che prevede il boicottaggio dei film della Stone. E’ diventato un tormentone il boicottaggio, tutti boicottano qualcosa, i francesi boicottano le olimpiadi, i cinesi boicottano la Stone, la Stone boicotterà il caviale o qualcos’altro.
Un peccato, i cinesi si perderanno quel gran capolavoro che è Basic Instinct.
Per quanto riguarda il seguito i cinesi tireranno un sospiro di sollievo.
Basic Instinct 2, a parte Sharon, fa cacare.


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Cucina romanesca: giovedì gnocca!

lunedì 26 maggio 2008

La più grande storia mai raccontata - punto N° 2 -


I TRE MEZZI


L'ordine religioso cristiano si serve di tre principali mezzi per ingannare l'umanità nel suo corso storico. Questi tre mezzi sono: Il mistero, il miracolo e la profezia.


Mistero (o mistero della fede): Possiamo definire mistero tutto ciò che per noi e' incomprensibile e al di fuori della portata della nostra conoscenza. La nostra esistenza è un mistero, Il comportamento della natura è un mistero. Sappiamo che un seme piantato nella terra fa germogliare una pianta, ma perchè? Quale è la causa prima che ha voluto questo? Sappaimo quello che ci è necessario sapere per andare avanti, e il mistero e' parallelo al nostro grado di conoscenza. Più la nostra conoscenza si amplia (grazie ad una buona istruzione e ad un buon uso della ragione) più il mistero si svela e non è più mistero. Il mistero è quindi qualche cosa che si oppone alla verità e che la cela, la nasconde finchè non si acquisisce, grazie all'esperienza, la conoscenza necessaria per svelarlo. Il Dio in cui siamo costretti a credere ci viene presentato come un Dio di bontà, giustizia, misericordia e soprattutto VERITA'. Ma se questo è un Dio di verità perche' ci viene spiegato con il mistero, che come gia abbiamo accennato e' qualcosa che oscura la verità. Un Dio della verità non può avere alcun legame con il mistero. Un Dio della verità mostrerebbe la sua parola in prima persona, non affidandosi ad altri che poi riferiranno ad altri che a loro volta riferiranno ad altri e cosi' via per centinaia di anni. In sostanza ciò che ci viene chiesto è credere nella verità attraverso il mistero, il buio e la cecità. Un controsenso immenso che oltretutto fa risultare Dio un essere ingannevole e meschino da parte degli stessi che lo predicano.


Curioso come possiamo ricondurre tutto ciò alla politica moderna. Il politico in cui credere simboleggia Dio, Le forze di propaganda elettorale rappresentano il clero e la massa da strumentalizzare con false promesse elettorali rappresenta...la massa da strumentalizzare con false promesse divine. E tutto attraverso la fiducia, la fede nel "poi farò questo per voi". Con la differenza che il " poi farò questo per voi" di un politico anche se promosso dalla fede degli elettori si smentisce facilmente nel giro di qualche anno mentre quello divino è perennemente a data da definire. Il motivo? Dio opera a noi in modo che non possiamo concepire, quindi mistero, quindi menzogna. E il Dio veritiero che fine ha fatto?

La religione è la più antica forma di strumentalizzazione politica.

Il mistero e' una parola che furono costretti a utilizzare per bloccare ogni domanda, ogni quesito e curiosità.


Miracolo: Analogamente al mistero il miracolo e' qualcosa di inconcepibile per l'uomo e che supera le sue capacità. Qualsiasi azione al di fuori della portata dell'uomo viene concepita come miracolo. Ma naturalmente anche la concezione di miracolo viaggia parallelamente all'elasticità della conoscenza umana. Un piccolo esempio? Riuscire a fa muovere del ferro o dell'acciaio senza un agente visibile o senza alcun movimento. duemila anni fa era un miracolo, oggi lo chiamiamo elettromagnetismo. Un altro? Riportare un vita un uomo "apparentemente morto"?Duemila anni fa era un miracolo, oggi lo chiamiamo massaggio cardiaco. Ancora? Far sparire o comparire oggetti. Duemila anni fa era un miracolo. Oggi la chiamimamo prestidigitazione. Il Ragionamento mi sembra chiaro e comprensibile per tutti, anche per quelli che dicono che le ossa di dinosauri ci sono perchè Dio vuole mettere alla prova la nostra fede (creazionismo). Come possiamo quindi credere a letture che parlano di miracoli avvenuti migliaia di anni fa quando la conoscenza dell'uomo era minima e il suo animo facilmente soggiogabile?


All'interno del Nuovo testamento vi e' l'episodio di un Miracolo in cui il Diavolo porta Gesù sulla vetta piu alta del mondo mostrandogli TUTTI i regni del creato, promettendogli il loro dominio, tentandolo. Perchè la concezione di creato rimane quella di una terra piatta priva del nuovo mondo fino al XV secolo? Eppure il Diavolo mostrò TUTTI i regni del creato durante la sua tentazione. Perchè Cristo non ne fa mai riferimento personalmente, ne tramite seconda voce? Eppure la parola di Dio dovrebbe arrivare in modo equo ai 4 lati del mondo. Perchè nel nuovo mondo solo da V secoli fa? Dio si era forse distratto? O ha forse lasciato che la sua parola fosse stravolta e strumentalizzata? Anche questo fa apparire l'immagine di Dio come un essere meschino, e selettivo che dispensa il suo insegnamento in modo indiscreto. Inoltre lo rende anche impotente, non essendo in grado di controllare l'utilizzo che l'uomo fa della sua parola. E non è una mia ipotesi, ma l'immagine di Dio come viene proiettata dagli stessi che lo predicano.


Profezia: Si è sempre visto il profeta come un uomo cui viene comunicato un evento importante che sarebbe capitato in futuro. Ma perche' Dio avrebbe dovuto comunicare solo ad alcuni eletti questi avvenimenti i quali poi li avrebbero comunicati ad altri. Se e' Onnipotente non avrebbe potuto dare a tutti queste conoscenze in modo indiscreto (risparmiando anche problematiche legate all'interpretazione o alla manomissione della sua parola)? Ecco che la figura di Dio torna ad essere sminuita e impotente nonostante sia l'essere Primo. Inoltre perchè queste profezie non parlano mai di avvenimenti chiari e precisi, ma alludono a situazioni "tipicizzate" riconducibili a più circostanze. Non sono chiare, non sono precise e sono interpretabili in più modi quindi facilmente adattabili. Ci ricolleghiamo ancora una volta al mistero e alla figura di Dio come entità ingannevole, che ci tiene all'oscuro della verità. Ed è sempre mostrata in questo modo dagli stessi che lo predicano.
Mistero della fede.
E' facile vivere con gli occhi chiusi, senza capire tutto cio' che vedi.
Strawberry fields forever - Beatles -
Dissero di essere più grandi e più amati di Gesù.
I bigotti comprarono e bruciarono i loro dischi nella piazze.
Jonh Lennon era soddisfatto delle vendite.

T.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

sabato 24 maggio 2008

Doretta, la più amata da...bho!

Chiunque, se sta solo e non ha niente da fare, prima o poi si ritroverà a conversare con questo motore di ricerca farlocco. Chi mi accuserà di squallore avrà in parte ragione, ma chi nega di aver mai provato a parlare con questo contatto di messenger o è un bugiardo o non sa vivere, perchè a volte, se uno ci si mette d'impegno, sembra quasi che non stia parlando con un programma a risposta automatica, ma con una persona.
Anche se si tratta di una persona molto molto stupida...

Edric Ant intellettualmente eccellente psicologicamente devastato:S scrive:
cosa fai stasera?
- (#) - Doretta scrive:
Non lo so: tu hai qualche idea?
Edric Ant intellettualmente eccellente psicologicamente devastato:S scrive:
mi stai provocando
- (#) - Doretta scrive:
Mi pare di averci già provato
Edric Ant intellettualmente eccellente psicologicamente devastato:S scrive:
ah sì? non ricordo forse ero ubriaco
- (#) - Doretta scrive:
Un po’ bevo ma poi mi gira la testaaa…
Edric Ant intellettualmente eccellente psicologicamente devastato:S scrive:
a chi lo dici...
- (#) - Doretta scrive:
Nessun dubbio
Edric Ant intellettualmente eccellente psicologicamente devastato:S scrive:
sai? oggi sembri più intelligente del solito
- (#) - Doretta scrive:
Mia nonna diceva sempre che ciò che la mente non capisce, lo intuisce il cuore
Edric Ant intellettualmente eccellente psicologicamente devastato:S scrive:
come non detto...
- (#) - Doretta scrive:
Chiarochiaro
Edric Ant intellettualmente eccellente psicologicamente devastato:S scrive:
voi donne volete sempre avere l'ultima parola.

Dopodichè, purtroppo, la discussione è degenerata. Non c'è più dialogo!
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

mercoledì 21 maggio 2008

Monnezza for all!

Guardando su internet e alla TV si è tempestati da informazioni che sbandierano l'efficienza del nuovo Governo che ha tanto a cuore la questione dell'immondizia campana.

Se si va a spiluccare qualche testata non allineata politicamente e che si limita a descrivere i fatti ecco che si scopre che l'ordine del giorno oggi non riguarda esclusivamente la monnezza.

Ascoltando il radiogiornale a pranzo, ho sentito su Radio3 una notizia.
Il Consiglio dei ministri a Napoli oggi vaglierà le proposte della legge sul pacchetto sicurezza, sulle proposte fiscali e forse sull’emergenza Rifiuti.
FORSE??
M a non stavano a Napoli? Non credono che, se non altro per l’egoistico motivo di evitare la puzza per le strade, dovrebbero dare la priorità assoluta a un problema simile?
Perchè diciamolo, con la Lega al Governo, il massimo che faranno sarà una preghiera al Vesuvio perché spazzi via tutto quanto, non credo siano tanto motivati a risolvere la cosa, che ogni giorno si fa anche più grave.
Per questo in questi giorni hanno ripreso a bombardarci di cassonetti in fiamme e turisti impuzzoliti.
In questo modo cercano di convincerci che sia una situazione irrisolvibile e che non dobbiamo stupirci se fra un anno sarà come ora.
O peggio.
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

lunedì 19 maggio 2008

La più grande storia mai raccontata - punto N°1

REDENZIONE


Uno dei punti cruciali su cui si basa l'idea della "nostra" dottrina religiosa e' il concetto di redenzione. Con il concetto di redenzione si intende l'atto di una persona eseguito al posto di un altra. Nel credo cristiano la redenzione e' rappresentata con la morte di Gesù Cristo finalizzata al perdono dei nostri peccati. Quindi una sua azione ( la condanna ad una pena ) eseguita al nostro posto finalizzata al nostro benessere finale. Se proviamo ad utilizzare un po' di analisi critica potremmo accorgersi che da questa prima redenzione, ne consegue una seconda. Questa seconda redenzione e' rappresentata dall'organo della chiesa che per svolgere il compito di Dio ( del quale questo organo e' rappresentante in terra ) assolve quotidianamente i nostri peccati. Per farci un idea pensiamo all'atto della confessione. Ma non e' sempre stato cosi facile. Se proviamo a usare un altro pizzico di ragione possiamo arrivare alle conclusione che questa seconda redenzione ha una radice totalmente pecuniaria.Il suo scopo e' il lucro. L'invenzione di un purgatorio, che simboleggia l'atto dello scontare la propria pena e' strettamente collegato a fenomeni di vendita del perdono, di dispense e indulgenze che avvengono tutt'oggi. Potremmo chiamarle imposizioni fiscali (comprare il proprio perdono e una cetezza di felicita' nell'aldilà per mezzo del denaro). Il fatto che nel nostro paese, al giorno d'oggi, ciò non avvenga come un tempo mi lascia un po' perplesso e meravigliato ( calcolando il giogo ecclesiastico sotto il quale viviamo ), ma basta pensare ad un paese come l'America dove fenomeni di vendita di ville in paradiso, di perdoni o guarigioni sono all'ordine del giorno e possiamo farci un idea del concetto di seconda redenzione. Un punto molto delicato è che la dottrina della redenzione si basa su un'idea pecuniaria di giustizia e non sull'idea di giustizia morale. Questo significa che se io devo del denaro a qualcuno rischiando di passare dei guai, qualcun'altro può pagare al mio posto, riscattando cosi' il mio debito. Ma se invece di dovere del denaro a qualcuno, contro questo qualcuno ho commesso un delitto il discorso non vale. Stando alla giustizia morale non e' permesso che un terzo individuo si prenda la mia colpa anche se fosse per sua volontà. Riportiamo questo esempio nel mondo ecclesiastico di qualche secolo fa: posso pagare la chiesa per comprare un perdono e redimermi, ma se vengo accusato di eresia e condannato al rogo cosa succede? 1) Non mi è più data la possibilità di pagare per redimermi. 2) Un terzo individuo non puo' offrirsi per pagare l'accusa di eresia al mio posto con la sua vita. Il discorso non torna. Gesù Cristo potè morire per noi ma un terzo individuo non potrebbe morire per me in una situazione simile nello stesso modo che fece l'uomo il cui insegnamento la chiesa ci invita a seguire. No. Qualcosa non va. Forse che gli eretici non fossero pazzoidi blateroni come oggi spesso ci vengono descritti, ma uomini dotati di un buon pensiero critico in grado di compromettere la validità dell'ordine ecclesiastico?
Argomentazione tratta dal pensiero di Thomas Paine nel suo libro "The age of reason" - L'età della ragione. (1794) Forse Leggere libri come questo nelle scuole, piuttosto che studiare lingue morte o le stesse religioni, ci darebbe quel minimo di conoscenza con la quale saremmo in grado di valutare le cose.

Articolo scritto da T.



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

domenica 18 maggio 2008

Iron man

Un film ignorante come una birra a colazione, pieno di spacconate e una colonna sonora di sano e onesto metal.
Il protagonista è una specie di condensato di personaggi diversi.
Da una parte è il classico nerd, è un genio precoce, un maniaco del lavoro, parla coi robot e fa decine di invenzioni; dall’altra è un ricco industriale, cinico, mandrillone, alcolista, poco sentimentale.
Lo adoro.
Hanno deciso di farlo interpretare a un Robert Downey jr un po’ troppo palestrato per essere un nerd, ma si sa, Hollywood ha le sue esigenze di marketing e come protagonista ci sa fare.
Vederlo nei panni di miliardario mi ha definitivamente convinto che sarebbe davvero molto bello avere qualche miliardo di dollari, le hostess-spogliarelliste del suo aereo privato mi hanno profondamente intrigato.
Torniamo al film.
Tony Stark è un magnate che produce armi che viene catturato da degli improbabili terroristi afgani. Certo, in quanto produttore di armi poteva anche permettersi di un bel mezzo corazzato di produzione propria se voleva farsi un giro in una zona di guerra.
E invece si mette a scorrazzare con uno stupido gippone Humvee prestato dall'esercito, che viene immediatamente distrutto daglli allegri guerriglieri.
Questi lo costringono a produrre armi per loro, ma lui li frega costruendosi un’armatura che lo rende invincibile e che sarà, per l’appunto il primo prototipo dell’armatura di Iron-Man.
In seguito alla fuga decide di cambiare la sua vita: intende convertire le sue industrie dalla produzione militare a quella civile.
Ma i suoi soci non sono d’accordo.
Nel frattempo, Tony cerca di perfezionare la sua armatura e tornare a combattere i terroristi che stanno mettendo a ferro e fuoco nella regione in cui operano (dal nome che non ricordo, ma probabilmente trattasi di uno stato fittizio).
E, ovviamente, aiutato dalla sua aiutante tutto fare Pepper Potts, interpretata da una strafichissima Gwineth Paltrow coi capelli rossi.
Giudizio controverso.
Il punto forte del film, oltre agli effetti speciali ovviamente, sono i personaggi principali, dotati di un forte spessore psicologico e intriganti. Ho grandemente apprezzato i dialoghi-battibecchi da nerd di Tony col braccio meccanico e i vari flirt consumati con la Paltrow nel corso del film.
Va detto che, purtroppo alcuni dettagli nella trama sono lasciati un poco oscuri o quantomeno buttati alla rinfusa.
Per prima cosa mi chiedo come possono essere stati così idioti i terroristi a lasciargli tutti quegli equipaggiamenti da permettergli di costruirsi l’armatura all’inizio del film, senza riuscire a controllarlo e dandogli in pratica, carta bianca. Ho scoperto che una situazione analoga c’era stata anche nel fumetto originale e che sono stati più fedeli di quanto sembrava. Resta il fatto che ne emerge una trasposizione che non regge, specie se si calcola che gran parte dell’armatura viene costruita in meno di una notte!
Poco convincenti anche i cosiddetti terroristi, che, oltre ai classici musulmani comprendono anche miliziani ungheresi che non si capisce cosa cazzo ci facciano in Afganistan.
Se poi vogliamo concludere in bellezza, confesso che, vedere un carro armato T-72 centrare al primo colpo di cannone un’armatura che vola alla velocità del suono in cielo, mi sembra molto poco convincente anche per un film che parla di supereroi.
In conclusione il verdetto è: onesto, ignorante (forse un po' troppo) e piacevole.

Voto 7/10
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

giovedì 15 maggio 2008

Chuck, aiutaci tu!

Sono allibito.
Chi non conosce Nonciclopedia, la mitica imitazione di Wikipedia, fili immediatamente a guardarla.
Pare che in un uno dei suoi articoli prendesse in giro gli emo.
Gli emo, tanto per ricordare, sono quel genere di adolescenti che, seguendo una moda iniziata in America (tanto per cambiare!), ascoltano musica rock punk e sono soliti adottare un atteggiamento misto di introversione e depressione, che porta al culto dell'autolesionismo.
Sicuramente, Nonciclopedia a volte ci va pesante sulle battute.
Ma non basta per giustificare una denuncia contro il sito da parte di qualche idiota bigotto e permaloso. Come esplicitamente scritto sul sito, oltretutto, se a qualcuno non piace quello che si dice, può anche uscire dalla pagina.
Ma non è finita qui.
Questo idiota accusa Nonciclopedia di essere la responsabile della moda Emo in Italia.
Che fosse idiota già lo si capisce dal fatto che stia con l'UDC, ma cerchiamo soffermarci sulla cosa senza farsi travolgere dalla voglia di tirare a destra e a manca calci rotanti come farebbe Chuck Norris.
E' il classico ragionamento da benpensante: prendersela con qualcuno accusandolo di aver causato un fenomeno che già esiste da tempo.
Nonciclopedia prende in giro gli emo perchè già esistono, non ne parla perchè vuole diffondere una moda!
Quale mancanza di valori, qua manca l'intelligenza, il problema è che la gente è idiota e finisce che diventa emo o vota un coglione simile!
In conclusione, posso solo dire che il blog offrirà la sua solidarietà ai nonciclopediani fino alla fine di questa spiaevole idiozia.
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

mercoledì 14 maggio 2008

0,0001% grassi 100% vaffanculo!

Io odio i cibi dietetici.
Capisco le barrette dietetiche, una volta ne ho assaggiata una perché dovevo fare un pranzo veloce.
E’ come ingollare mezzo litro di rhum liscio e lo dice uno che se ne intende. Una barretta da 50 grammi che ti mette lo stomaco K.O. per le prossime cinque ore, un po’ perché fa schifo, un po’ perché è così concentrato che equivale a buttare giù due piatti di rigatoni cacio, pepe e lardo. Non so quanta merda ci mettano dentro, ma devo dire che raggiunge lo scopo di farti mangiare poco. La stessa cosa non vale per tutti quei prodotti Vitasnella, col prefisso light o con quell’insopportabile 0,001% grassi.
La cosa perversa, è che questi cibi o bevande sono quel genere di cibi che solitamente sono strapieni di calorie, ma che almeno sono anche giustamente buoni. Invece hanno deciso di prendere il cibo o la bevanda in questione, toglierle ogni sapore e poi dire che è light.
GRAZIE AL CAZZO!
Hai tolto gli zuccheri, i grassi, la vita in quel povero alimento e ti credo che poi vai a dire in giro che è light. Mettiamo in chiaro: il formaggio magro è un contro senso, è una cosa innaturale.
E’ come dire leghista cosmopolita, come dire pornostar timorata di Dio!
NON HA SENSO!
Ed ecco che riesce fuori questa tendenza dell’uomo moderno: la paraculaggine.
Vuole mangiare bene, ma non vuole ingrassare e così tutte le industrie di cibarie, cercano di appioppargli quello che vuole, qualcosa con sopra scritto 0.001% grassi e col nome corrispondente all’alimento convenzionale. Certo, una persona normale e con una minima sensibilità gustativa si accorge subito la coca cola normale è buona e che la light fa schifo, ma quello che la compra, siccome sopra ha scritto coca cola si lascia suggestionare e dice “cazzo, sto bevendo una cocacola dietetica! Quanto sono paraculo!”. Anche se il sapore di coca cola è un fantasma.
Sarò uno che ragiona con l’accetta ma lo dico.
O dimagrisci e mangi poco e sano o ti sfondi, ma almeno ti sfondi mangiando quello che ti pare!
Se uno vuole dimagrire, invece di mangiare il filadelphia light, la coca cola light, il vitasnella o altre blande imitazioni, non le mangiasse e basta, si prendesse un’insalata e se ne andasse affanculo!
Ci sono eccezioni per i cibi dietetici?
Certo!
Adoro i biscotti integrali, il problema è che poi ne mangi tre tonnellate e l'effetto dietetico va a farsi fottere.




Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

domenica 11 maggio 2008

Ombra e penombra.

Prime osservazioni sulla nuova disgraziata Italia che abbiamo di fronte.
L’opposizione ha creato un Governo ombra che opererà in parallelo col governo ufficiale della maggioranza.
La destra pure.
Lo chiamano Governo penombra e raccoglie tutti gli sfigati che non hanno avuto posto in questo Governo.
L’opposizione ha formato questo Governo perché un governo ombra fa molto figo, fa molto associazione carbonara o governo di resistenza.
Ma a conti fatti, visto il polso dei suoi rappresentanti e la lungimiranza dei loro programmi, più che altro è come un gruppo di ragazzini che si rintana nello scantinato a guardare pornazzi.
Per l’opposizione mi sembra invece una maniera per non creare problemi a chi sta alla stanza dei bottoni, non vogliono litigare da ora (anche se a loro rode per non aver preso poltrone) e allora evitano le discussioni. Facendo finta di aver ottenuto tutti quello che volevano e ritirandosi nella pippa mentale.
Due parole.
Che squallore!

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

sabato 10 maggio 2008

Pseudo-rapper.

L’Italia copia modelli culturali di altri paesi, dei paesi che contano.
Se poi consideriamo che la quasi totalità dei mezzi mediatici è in mano agli anglosassoni, ecco che l’unico modello che vediamo è quello americano. E a quel punto il copia-copia italiano è d’obbligo.
E vengono quasi sempre fuori delle porcate immani.
In America fanno decine e decine di telefilm, alcuni fanno pena, ma almeno sono famosi e degni di nota. In Italia sono quasi sempre una fotocopia sbiadita e fiacca.
In America fanno C.S.I.
In Italia fanno R.I.S., che già il solo nome ti fa cascare le palle.
La cosa diventa ancora più triste se guardi i rapper.
In America vedi Coolio, Eminem, Snoop Dogg, Fifty Cents.
In Italia abbiamo Fabri Fibra, Mondo Marcio, Inoki, Gemelli Diversi.
Oddio.
Mettiamo subito in chiaro: l’inglese è una lingua perfetta per le canzoni, breve, pratica, piena di ritmo, l’italiano no!
Puoi comporci una poesia, scriverci un libro, farci un comizio con l’italiano, ma per le canzoni o, almeno quando si tratta di rap, è meglio se usi lingue diverse dall’italiano.
Ma specialmente, non puoi che ridere quando senti una di queste canzoni, perché in questo caso lo scimmiottamento di una cultura altrui emerge chiaramente. In maniera imbarazzante!
COME CAZZO FAI A FINGERTI UN RAPPER IN ITALIA?
Come fai a scopiazzare un rapper americano quando, per fortuna, c’è una distanza spaziale e culturale di migliaia di anni luce?
Il rapper americano dice che viene dal ghetto, dal Bronx, da Harlem, dal Queen, il rapper romano da Torbella Monaca o Cento Celle.
Mi vuoi far credere che sono la stessa cosa??
Per carità, il degrado lo trovi pure a Cento Celle o Torbella Monaca, ci mancherebbe altro, la povertà e la criminalità li trovi anche lì.
Ma non le puoi paragonare alle periferie di Los Angeles o New York, sono troppo diverse!
Come fai a paragonarti ai sobborghi di un paese dove puoi comprare un fucile a 15 anni, me lo spieghi? Forse la criminalità e il degrado sono simili, ma portare armi da fuoco leggere mi sembra un differenza significativa, per dirne solo una.
Sono pronto a scommettere che il borgataro più ignorante di Garbatella, che se la tira col suo coltellino a serramanico in Italia non durerebbe un nanosecondo se si fa un giro con lo stesso atteggiamento nello Watts di Los Angeles.

Rinunciassero a scopiazzare modelli così distanti e che poi, detto fra noi, fanno pure schifo. I media ti propinano solo quello, ma non significa che devi copiarlo, ne creassero uno nuovo, uno che va bene per la realtà italiana, non qualcosa che ripeto, non ha senso qui! Facessero come Caparezza, come Jovanotti, Frankei NRG, rapper che magari non piacciono a qualcuno, ma che se non altro hanno creato qualcosa di loro, qualcosa di veramente alternativo!
Come coi telefilm, facessero qualcosa che è tutto italiano e che non scopiazza in maniera indecente le serie straniere, ancoratevi alle realtà regionali, dialettali, locali e magari, già che ci siete, metteteci attori che sanno recitare, così, tanto per dare uno strappo alla regola! Non è un caso che l’unico Telefilm italiano che guardo con piacere sia Montlabano.
Se il rapper si propone come una reazione anti-conformista a una società malata, i suoi rappresentanti dovrebbero capire che non si è più anti-conformisti quando tutti gli sfigati di una classe decidono di scrivere due rime di protesta sociale arrabbiata, imitando inconsciamente o meno Shaggy o Tupac. Perché a quel punto l’anti-conformismo è diventato regola e nella sua essenza è andato a farsi fottere!

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

mercoledì 7 maggio 2008

Squadra di Governo.


Ecco cosa si sono detti per formare il nuovo Governo. Hanno voluto comunicare via msn anche se stavano nella stessa stanza. Tanto la bolletta la paghiamo noi...

Berlusconi: Allora, siamo tutti d’accordo sui Ministeri? Bondi l’ho messo all’Istruzione che se non ha niente da fare continua a mandarmi poesie del cazzo.
Bossi: ugagahhh >_< Berlusconi: Umberto, ma perché protesti, stiamo parlando di Istruzione, la cosa non ti riguarda!
Bossi: UGHGHGHG
Berlusconi: Zitto e fammi finire. Allora, ripartiamo, chi vuole il ministro della Giustizia?
Castelli: Io! Io! Io!
Vito: No, lo voglio io, me l’hai promesso l’altro ieri. Ho conservato l’SMS! ‘^_^
Berlusconi: Vabbè, mettetevi d’accordo, non ho tempo per voi!
Castelli: Pari o dispari?
Vito: Pari!
Castelli+Vito: Buttiamole giù!
Vito: Cazzo hai vinto!
Berlusconi: Bene è deciso, Castelli Ministro. E poi lui ha più esperienza. Hai conservato i miei appunti che ti avevo lasciato il governo scorso vero?
Castelli: Sì XD
Bossi: Ugahagagaghhh :-P
Berlusconi: Zitto, Umberto, vuoi farmi finire? Allora, ieri sera la Brambilla e io abbiamo deciso che avrà il Ministro dell’Ambiente…
Brambilla: Io t’avevo chiesto quello degli Interni!
Berlusconi: Si però ieri t’avevo chiesto di vestirti da infermiera e sei venuta vestita da diavoletta. Ma lo sai che io odio i diavoli no? Sono comunisti!
Brambilla: A me ieri non è sembrato :-P

Mastella entra nella conversazione

Mastella: Allora, me la date una poltrona? In fondo è tutto merito mio *_*
Berlusconi: Succhiamelo, troia!
Brambilla: Eccomi!
Berlusconi: No, non ce l'ho con te, scema! Dicevo a Mastella!
Bossi: Ugagagaha o_O
Berlusconi: WTF Umberto, ma che cazzo vuoi?? >_< Bossi: Ugagaugah :-O
Berlusconi: Uffa, te l’ho già detto che non ti posso dare sei ministri, mica ci siete solo voi!
Bossi: Ugaaaaaah! Ugugu!
Berlusconi: Umberto, mica vi posso dare il ministero della Difesa! Siete capaci di dichiarare guerra al Meridione e di sganciare la bomba atomica su Napoli!
Bossi: UUUU!
Berlusconi: No, non possiamo, perché quei coglioni ci hanno votato!
Bossi: UUUUU!
Berlusconi: Dai, se fai il bravo e ti accontenti di quelli che ti ho dato ti faccio suonare il campanello della Camera dei deputati.
Bossi: UGAGA!
Berlusconi: Ohhh, lo vedi che così va bene?

martedì 6 maggio 2008

Cosa dire per NON rimorchiare una ragazza.

Con tutti i manuali d’amore insulsi che ci sono in giro nessuno ha mai pensato di pensare qualcosa di innovativo. Dicono cosa fare per avere una ragazza, ma nessuno ha mai pensato cosa fare per NON avere una ragazza. Ecco sotto alcune frasi da non dire. Forse alcune sono paradossalmente efficaci, se uno di voi le prova e ha successo me lo faccia sapere.

Il pallonaro palese


-Hai presente la schitarrata all’inizio di Pulp Fiction? L’ho fatta io!
-Scusa se arrivo in ritardo, ma sono dovuto restare più a lungo al pronto soccorso dove faccio il medico. Maledetto orfano, non ha il permesso di crepare se ci sono io a impedire che succeda!
-Hai presente quella mensa per i poveri? L’ho finanziata io, ma non volevo si sapesse in giro perché odio fare il filantropo, quindi l’hanno chiamata col nome di un altro.

L’antiquato.


-Fai l’amore con me. Ti darò dei figli robusti.
-Tu sei una donna, quindi se fai la brava, avrai in premio una sculacciata.

L’impaziente.


-Bel vestito. Scopiamo?
-Mi fa piacere conoscerti. Però vorrei conoscerti anche carnalmente.
-Domani mi scadono questi profilattici…
-Ti levi il reggiseno che devo vedere se ha il marchio regolamentare?

Mandrillus taroccatus

- Hai 69 buoni motivi per metterti con me - La parte più sexy delle donne sono le bocce (Zap Brannigham)
-Esci con me e ti sentirai come un formica nello zucchero! (Larry Lovage)
-Tutte mi dicono di no, ma alla fine me lo danno sempre un assaggino.
-Di tutte le donne che ho avuto tu sei la migliore. Le altre due erano insopportabili…
-Allora, io sono un uomo e tu una donna, ho un letto a casa e una scatola di profilattici. Le sai fare le addizioni?
-Se fai la brava ti permetto di presentarmi tua sorella.
- Lo sai qual è quell'animale con due pollici che ama i pompini? Io (indicando se stesso coi pollici).


Il rozzo


-Belle tette. Sono vere?
-Belle tette. Posso toccarle?
-Sei proprio una bella ragazza. Dovresti darti al porno!
-Sono un ginecologo dilettante, la prima visita è gratis!
-Vorrei che i nostri amici uscissero insieme una sera di queste. I nostri amici abitano nelle nostre mutande…
-Allora, facciamo finta che io sono un senatore e tu una cittadina italiana. Se mi chiami onorevole ti faccio quello che hanno fatto agli italiani con l’ultima finanziaria!

Lo squallido.


-Se non me la dai mi chiudo in casa a guardare film porno!
-Se non me la dai vado a piangere.
-Il mio analista ha detto che ho bisogno di una donna per superare il rapporto morboso con mia madre!
-Se non me la dai vuol dire che ha ragione la mia ex e che sono uno squallido sfigato!

Il gaffeur


-Eddai! Se non ci stai nemmeno te vuol dire che sono un caso disperato!
-Non è possibile, i miei amici hanno detto che la dai a tutti!

In un qualche ritrovo intellettuale fricchettone


-Io odio l’Iliade, non ho mai sopportato Virgilio. (concludere la frase sorseggiando champagne con un risucchio fastidioso)
-E questo sarebbe teatro? Conosco pornazzi con una trama migliore (davanti a “Aspettando Godot”)
-Cazzo, proprio ora! (mentre squilla il cellulare con la suoneria It’s raining man durante l’Ave Maria di Bach in chiesa).

Botta e risposta infelici.
Lei: Per caso hai intenzione di usarmi?
Lui: Sì…cioè NO!

Lei: Bel maglione!
Lui: Grazie. Me l’ha regalato la mia mamma.

Lei: Baci davvero bene!
Lui: Grazie. A forza di guardare tutti quei baci saffici su youtube ho imparato qualcosa. Le lesbiche ci sanno fare!


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

domenica 4 maggio 2008

Le regole della casa del sidro.

Il film parla della vita in un orfanotrofio, concentrandosi in particolare sulle vite del suo medico, il dottor Larch (Micheal Caine) e de Homer Well (Tobey Maguire), trovatello che nessuno vuole e che resterà fino all’età adulta nell’istituto, diventando assistente ginecologo del dottore e pupillo, praticamente un figlio. Essenzialmente scatta tutto un super polpettone fondamentalmente perché Homer – che anche se non è laureato è un ottimo ginecologo grazie agli insegnamenti di Larch – non se la sente di praticare aborti e si sente inutile. Decide quindi di uscire dall’istituto per cercare la fortuna altrove, anche se il dottore ne è molto dispiaciuto. Homer si unisce a una coppia di giovani che avevano abortito nell’istituto e diventa loro amico. L’uomo è un pilota e si offre volontario come pilota in Birmania, lasciando la ragazza, mentre Homer resta con lei, dato che si è fatto assumere come raccoglitore di mele nel frutteto della famiglia del pilota. Homer inizia una corrispondenza letteraria col medico che, anche se è deluso dalla sua scelta di lasciare l’ospedale per fare un modesto lavoro, continua a contattarlo.
La storia fino a quel punto procedeva piuttosto prevedibile, anche se con un ritmo discretamente buono. La ragazza rimasta – Charlize Theron, che oltre a essere molto brava come attrice, è così fica al naturale che le hanno dovuto dare due mattonate in faccia per farla sembrare meno gnocca e darle un aspetto più acqua e sapone anni ‘40 – si sente tanto sola e, in maniera neanche tanto fine, fa capire che vorrebbe sostituire il ragazzo che l’ha lasciata sola per andare in guerra.
E la copula con Homer, tanto casto e ingenuo sbarbatello uscito dall’istituto, è d’obbligo.
A quel punto era finito il primo tempo e io mi ero messo la mano sui capelli.
Immaginavo fosse la solita pappardella amorosa, al limite del tragico, coi tradimenti, le donne in cinte con la vita rovinata, le storie d’amore vissute all’insegna dei sensi di colpa, le lacrime e tutto il solito fottutissimo repertorio da storia strappalacrime.
E invece no.
Gli eventi deviano leggermente dalle aspettative e la deviazione è piacevole.
Continua l’intreccio che vede da una parte la vita nel frutteto e dall’altra quella nell’istituto, arrivano altri drammi e difficoltà, ma invece di sommarsi e rendere più pesante il film unendo i loro contenuti tragici, si uniscono in un’alchimia ben equilibrata che permette di evitare la pesantezza che di solito emerge con questi racconti melodrammatici. Il film è strapieno di elementi e vicissitudini penosi, ma straordinariamente, grazie a questo equilibrio fra eventi, tenuti insieme da una buona recitazione, scorre discretamente bene, non con la lentezza che mi sarei aspettato.
Alla fine viene chiarito il significato del titolo, le regole della baracca in cui vive Homer sono dettate da persone che non ci vivono e per questo sono senza senso e non sono mai rispettate, le regole andrebbero costruite dai suoi inquilini e da essi rispettate.
Molto filosofico.
Nonostante parecchi casini e la morte di alcuni personaggi molto simpatici e ben gestiti, l’epilogo è piacevole, Homer tornerà nell’istituto e troverà uno studio pronto per lui, perché il dottor Larch, il padre che non ha mai avuto, gli è stato sempre vicino anche se l’ha spesso rimproverato per essersi allontanato da lui. Il dottore ha tessuto una trama di menzogne imbattibile che ha protetto il pupillo e gli ha garantito addirittura un posto di lavoro a vita.
Che dire?
Il film, nonostante rimanga inevitabilmente ancorato a uno stile da melodramma classico, è pieno di colpi di scena che stupiscono e ha un buon ritmo. Gli attori, dal grande Micheal Caine, all’eccellente e gnocchissima Charlize Theron, sono ottimi.
Unica nota va data a Maguire.
Sebbene lo trovi molto simpatico e sia comunque un bravo attore, mi sono reso conto del motivo per il quale ho sempre trovato la sua recitazione – fin dai tempi di Spiderman – strana, non fastidiosa, ma strana.
Ha un buon repertorio di espressioni, ma ogni tanto si fossilizza su un’espressione particolare, una faccia da vero pesce lesso e, purtroppo, a volte la usa anche quando non serve.

Voto 8/10

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

giovedì 1 maggio 2008

Sorry, but I'm going to need your balls





Basta, ora mi sono rotto il cazzo.
DA OGGI IN POI IL MIO LAVORO NELLA VITA SARA' TRINCIARE GLI SCROTI DI TUTTI I PEZZI GROSSI DELLA LIBERO E CONSERVARLI IN OLIO EXTRAVERGINE D'OLIVA.
Ecco ora tutto il resoconto della splendida esperienza avuta con il provider più simpatico e frizzante della nostra cazzo di penisola di merda.

Giorno 1
Fico ci offrono servizio voce + linea adsl tutto flat per un cazzo al mese! La portante è a 7 mega! Non paghi il canone Telecom! Facciamolo!

Giorno 13
Ok, ci hanno pensato loro a sbrigare le pratiche con Telecom.. ora bisogna solo aspettare il tecnico che verrà a rimuovere la borchia

Giorno 20
Minchia quanto cazzo ci ha messo ad arrivare. Sorpresa, la Libero non fornisce un servizio tecnico, il tecnico lo devi chiamare privatamente. Vabbè a quel prezzo era normale che qualcosa non fosse compreso.

Giorno 21
Wow! La linea è una bomba! Però perchè continua a cadere il segnale a volte per ore? Boh vabe vado al cesso

Giorno 40
Sono alterato. Ho provato di tutto, ho cambiato modem(ora ho un router ADSL2+ ready cazzutissimo), ho provato ogni tipo di configurazione, controllato che l'allaccio casalingo non presentasse problemi chiamando un maledetto tecnico che mi ha finito tutto il caffè della cucina. Richiamiamo il servizio tecnico del 155 e vediamo un pò che dicono...

Giorno 42
Finalmente sono riuscito a prendere la linea con quel cazzo di numero, ciao operatore Francesco, ho un problema con la vostra linea ADSL, caduta randomica della portante bla bla bla.. ok controlleremo. Oh che carini

Giorno 63
Dopo i TEMPESTIVI (bestemmie) controlli in centralina il problema che si riscontrava sul servizio adsl risulta finalmente RISOLTO! Ma che cazzo... perchè la lucetta è ancora spenta? Ancora bestemmie.

Giorno 63
Richiamo in diretta il servizio tecnico sul numero A PAGAMENTO( il numero verde free è capace di farti invecchiare) sollecitando altri controlli, oh si grazie ricontrolleremo.

Giorno 70
Il problema risulta risolto esattamente come prima, infatti la lucina è ancora spenta per svariate ore durante l'arco della giornata. Ok mi avete rotto il cazzo comunico la disdetta e torno con telecom.

Giorno 71
Vengo contattato anche dalle cabine telefoniche da innumerevoli operatori della libero che cercano di rassicurarmi, verranno effettuati nuovi controlli performantissimi sulla mia linea. Beh che fico magari ora si smuovono un pò.

Giorno 90erotti ( che sarebbe tra l'altro oggi ).
Ma bravi, senza alcun preavviso nè scritto nè telefonico, così di punto in bianco la mitica libero infostrada chiude i contatti col mio domicilio, lasciandomi senza servizio voce(telefono) ma mantenendo ancora il servizio adsl traballante. Non resta che aspettare che la Telecozz torni ad allacciarsi (la richiesta è stata inviata una cosa come 20 giorni fa).


In questo momento gli unici miei allacci col mondo esterno sono affidati al malfidato segnale adsl in questione e alla rete di telefonia mobile che pare si sia dimenticata di casa mia (l'unica che prende è, ironia della sorte, la wind..).
Quindi, morale della favola mi girano le palle e giuro davanti a Dio che non avrò pace finchè i muri della dirigenza di questa meravigliosa azienda non saranno TINTI DEL SANGUE LORO. Diffidate della truffa LiberoADSL e se volete saperne di più spulciatevi qua e là i forum e i siti di protesta, e ricordatevi che se potete PENSARE una cosa la potete REALIZZARE e io è da tanto tempo che PENSO si possa far entrare una palla medica nell'ano delle persone. E dato che non ho il telefono non posso neanche avvertirli, amen, userò un piccione viaggiatore, se non me lo mangio prima.

E visto che oggi ho le palle VERAMENTE GIRATE, care le mie vacche femministe non potevo certo dimenticarmi di voi e presentare un post a mani vuote, quindi eccovi la versione di Call of Duty(Il richiamo del dovere) versione esclusivamente femminile(sulla sinistra).




Aloha.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Buon primo maggio!

Per il primo maggio ci vuole un video inerente.
Qui è sintetizzata la politica economica da qui ai prossimi 5 anni.

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.