Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

sabato 10 maggio 2008

Pseudo-rapper.

L’Italia copia modelli culturali di altri paesi, dei paesi che contano.
Se poi consideriamo che la quasi totalità dei mezzi mediatici è in mano agli anglosassoni, ecco che l’unico modello che vediamo è quello americano. E a quel punto il copia-copia italiano è d’obbligo.
E vengono quasi sempre fuori delle porcate immani.
In America fanno decine e decine di telefilm, alcuni fanno pena, ma almeno sono famosi e degni di nota. In Italia sono quasi sempre una fotocopia sbiadita e fiacca.
In America fanno C.S.I.
In Italia fanno R.I.S., che già il solo nome ti fa cascare le palle.
La cosa diventa ancora più triste se guardi i rapper.
In America vedi Coolio, Eminem, Snoop Dogg, Fifty Cents.
In Italia abbiamo Fabri Fibra, Mondo Marcio, Inoki, Gemelli Diversi.
Oddio.
Mettiamo subito in chiaro: l’inglese è una lingua perfetta per le canzoni, breve, pratica, piena di ritmo, l’italiano no!
Puoi comporci una poesia, scriverci un libro, farci un comizio con l’italiano, ma per le canzoni o, almeno quando si tratta di rap, è meglio se usi lingue diverse dall’italiano.
Ma specialmente, non puoi che ridere quando senti una di queste canzoni, perché in questo caso lo scimmiottamento di una cultura altrui emerge chiaramente. In maniera imbarazzante!
COME CAZZO FAI A FINGERTI UN RAPPER IN ITALIA?
Come fai a scopiazzare un rapper americano quando, per fortuna, c’è una distanza spaziale e culturale di migliaia di anni luce?
Il rapper americano dice che viene dal ghetto, dal Bronx, da Harlem, dal Queen, il rapper romano da Torbella Monaca o Cento Celle.
Mi vuoi far credere che sono la stessa cosa??
Per carità, il degrado lo trovi pure a Cento Celle o Torbella Monaca, ci mancherebbe altro, la povertà e la criminalità li trovi anche lì.
Ma non le puoi paragonare alle periferie di Los Angeles o New York, sono troppo diverse!
Come fai a paragonarti ai sobborghi di un paese dove puoi comprare un fucile a 15 anni, me lo spieghi? Forse la criminalità e il degrado sono simili, ma portare armi da fuoco leggere mi sembra un differenza significativa, per dirne solo una.
Sono pronto a scommettere che il borgataro più ignorante di Garbatella, che se la tira col suo coltellino a serramanico in Italia non durerebbe un nanosecondo se si fa un giro con lo stesso atteggiamento nello Watts di Los Angeles.

Rinunciassero a scopiazzare modelli così distanti e che poi, detto fra noi, fanno pure schifo. I media ti propinano solo quello, ma non significa che devi copiarlo, ne creassero uno nuovo, uno che va bene per la realtà italiana, non qualcosa che ripeto, non ha senso qui! Facessero come Caparezza, come Jovanotti, Frankei NRG, rapper che magari non piacciono a qualcuno, ma che se non altro hanno creato qualcosa di loro, qualcosa di veramente alternativo!
Come coi telefilm, facessero qualcosa che è tutto italiano e che non scopiazza in maniera indecente le serie straniere, ancoratevi alle realtà regionali, dialettali, locali e magari, già che ci siete, metteteci attori che sanno recitare, così, tanto per dare uno strappo alla regola! Non è un caso che l’unico Telefilm italiano che guardo con piacere sia Montlabano.
Se il rapper si propone come una reazione anti-conformista a una società malata, i suoi rappresentanti dovrebbero capire che non si è più anti-conformisti quando tutti gli sfigati di una classe decidono di scrivere due rime di protesta sociale arrabbiata, imitando inconsciamente o meno Shaggy o Tupac. Perché a quel punto l’anti-conformismo è diventato regola e nella sua essenza è andato a farsi fottere!

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Nessun commento:

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.