Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

giovedì 15 maggio 2008

Chuck, aiutaci tu!

Sono allibito.
Chi non conosce Nonciclopedia, la mitica imitazione di Wikipedia, fili immediatamente a guardarla.
Pare che in un uno dei suoi articoli prendesse in giro gli emo.
Gli emo, tanto per ricordare, sono quel genere di adolescenti che, seguendo una moda iniziata in America (tanto per cambiare!), ascoltano musica rock punk e sono soliti adottare un atteggiamento misto di introversione e depressione, che porta al culto dell'autolesionismo.
Sicuramente, Nonciclopedia a volte ci va pesante sulle battute.
Ma non basta per giustificare una denuncia contro il sito da parte di qualche idiota bigotto e permaloso. Come esplicitamente scritto sul sito, oltretutto, se a qualcuno non piace quello che si dice, può anche uscire dalla pagina.
Ma non è finita qui.
Questo idiota accusa Nonciclopedia di essere la responsabile della moda Emo in Italia.
Che fosse idiota già lo si capisce dal fatto che stia con l'UDC, ma cerchiamo soffermarci sulla cosa senza farsi travolgere dalla voglia di tirare a destra e a manca calci rotanti come farebbe Chuck Norris.
E' il classico ragionamento da benpensante: prendersela con qualcuno accusandolo di aver causato un fenomeno che già esiste da tempo.
Nonciclopedia prende in giro gli emo perchè già esistono, non ne parla perchè vuole diffondere una moda!
Quale mancanza di valori, qua manca l'intelligenza, il problema è che la gente è idiota e finisce che diventa emo o vota un coglione simile!
In conclusione, posso solo dire che il blog offrirà la sua solidarietà ai nonciclopediani fino alla fine di questa spiaevole idiozia.
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Nessun commento:

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.