Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

lunedì 12 settembre 2011

Chuck

Oggi mi è capitato di scoprire per caso che hanno ricominciato a trasmettere su Italia1 la serie di Chuck, declassata all'ignobile fascia oraria di limbo televisivo del pomeriggio dopo I Simpson.
Chuck è una delle tante serie che ha avuto la somma sfiga di capitare nel periodo in cui veniva trasmesso Lost e in cui lo sciopero degli sceneggiatori ha messo in crisi il mondo dei telefilm americani, facendo slittare varie serie e facendole rischiare di sparire dal palinsesto.
L'altra sfiga di questa serie è che viviamo in un mondo di merda dove i nerd vengono snobbati e dove il pubblico si butta in massa su lavori meglio pubblicizzati. Come Lost, per l'appunto.
Oggi ho rivisto con piacere la prima puntata e sono rimasto piacevolmente stupito nel trovarla così ben fatta anche se l'avevo già. Forse perchè l'altra volta vidi con mezzi che non vi dico che non permettevano di apprezzarla appieno.
Chuck (Zachary Levi) è un tecnico del Nerd Herd di una grande catena di elettrodomestici ed è, per l'appunto, un nerd.
Un vecchio amico (il cui rapporto verrà approfondito nelle prime serie) dell'Università gli manda un file pieno di messaggi subliminali che modifica il suo cervello e lo fa diventare una sorta di computer umano con segreti di Stato in testa.
A prelevarlo sono inviati Sarah Walker (Yvonne Straovsky, conosciuta anche come la strafica Miranda di Mass Effect 2, a cui presta il volto) della CIA e John Casey (Adam Baldwin, il tostissimo Animal di Full Metal Jacket) della NSA.
Chuck, inizialmente un imbelle civile che si ritrova in un affare troppo grosso per lui, dovrà vedersela con questi due e con i segreti che si annidano nella sua testa.
Molte delle puntate si alternano fra la sua vita segreta da spia e quella monotona di lui e i collegi al Buy More, presentata spesso però come altrettanto avvincente con il dovuto accompagnamento di musiche da film d'azione per renderle più comiche.
Il suo rapporto con Sarah è quello che spicca da subito, il che è si può capire dalla canzone che hanno scelto per introdurre le puntate, senza dimenticare che anche le altre colonne sonore che accompagnano gli episodi sono eccellenti.
Da una parte Chuck, simpatico, ma timido, pacifico, ma coraggioso quando necessario; dall'altra Sarah, una donna tanto bella quanto tosta, capace nell'usare la propria bellezza quanto pugnali da lancio, arti marziali, armi leggere o pilotare elicotteri d'assalto. Sarah è una donna eccezionale, letale, ma che andando avanti nelle puntate mostrerà il suo lato più umano, sentimentale, fragile.
Una donna killer, grintosa come la canzone dei Cake, ma che conserva i suoi lati femminili, una donna autenticamente emancipata e non come quelle isteriche che si atteggiano a donne libere, ma che in realtà vogliono solo fare le troie e tornano a frignare quando scoprono che da sole non sanno nemmeno cambiare una lampadina.
Chuck e lei formano una coppia di lavoro nella quale è lui, l'uomo fragile e tranquillo, a essere protetto da lei, la bella guerriera e non viceversa.
Nel corso delle serie si invertiranno i ruoli, i rapporti di Chuck cambieranno con tutti i personaggi, che subiranno anch'essi un'evoluzione, come nel caso di Casey, l'assassino reaganiano del trio.
Anche Chuck cambierà e, dal nerd con perenni sentimenti di insicurezza nei confronti degli maschi alfa, dimostrerà - un poco alla volta nel corso delle serie - di essere un vero eroe
La quinta e - si dice - ultima stagione andrà in onda sulla NBC dall'11 ottobre.
Personalmente ritengo giusto che ci sia una fine alla serie, dato che qualsiasi format televisivo perde di mordente dopo un numero x di serie ed è importante che ci sia fine e che i creatori non la trascinino avanti oltre l'apprezzabile per un pubblico che sa quello che guarda.
Nel frattempo filatevi a guardare le puntate che vanno in onda questi giorni se non le avete mai viste!



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Nessun commento:

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.