Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

giovedì 2 aprile 2009

G. P. II

Oggi è il quarto aniversario dalla morte di Giovanni Paolo II.
Lo so per due motivi.
Primo, quando lo seppi 4 anni fa stavo uscendo con una ragazza di quelle che non si dimenticano. Il mio commento alla notizia quando l'ho saputo fu che morto un papa se ne fa un altro. Senza bisogno di fare i lagnoni per mesi e mesi di fila come fecero.
Il secondo motivo per cui lo so è che oggi ho visto alla TV la storia siamo noi. E parlavano proprio di papa Wojtyla. 2 coglioni così!
Sarà che ho iniziato a vederne un pezzo proprio dalla scena in cui stava per crepare, ma non si può fare a men di rimanere colpiti dall'enfasi necrofile con la quale venivano descritti gli ultimi giorni della sua vita.
Il problema non è solo il fatto di quanto sia già perverso descrivere un tizio che sta crepando, la cosa folle è che non c'è neanche niente di paricolarmente interessante. Perchè fondamentalmente, gli ultimi mesi di vita di G. P. II non sono stati altro che un andare e un uscire da un opedale. Che cosa c'è di interessante in un vecchio parkinsoniano che - coerentemente al suo stato di salute - non fa altro che alzare una mano tremante dal letto nei momenti di migliore stato psicofisico? Vi ricordate quanto hanno scassato le palle dopo che è (oserei finalmente!) morto? Non si poteva accendere la televisione che c'era un TG, uno speciale, una miniserie dedicata a lui!
Ma vale la pena fare tutto casino per uno che è morto nel suo letto.
Perchè se ci pensate bene, da quando esiste la televisione, non esiste personaggio che dopo la sua morte abbia fatto parlare quanto lui!
Nè Kennedy, nè Gahndi, nè Che Guevara hanno riscosso così tante menzioni dopo la loro morte e, anche ammettendo che siano stati meno importani di lui (e non lo credo, escludendo forse Che Guevara) va comunque detto che sono morti combattendo per le loro idee e i cambiamenti che stavano - cercavano - di fare!
Mettiamocelo in testa che sono rare le persone che riescono a cambiare e a morire nel loro letto e Karol ha superato gli 80!
Che cazzo ci vuole a parlare in continuazione di pace quando rappresei un'istituzione fondata sull'amore? Siamo tutti bravi a fare i bravi ragazzi e a piacere a tutti (e certo, se poi sei il rappresentante di Dio è anche più facile!), le persone che contano veramente e cambiano il mondo sono quelle che si attirano l'odio dei potenti e Giovanni Paolo II, come del resto fa e farà sempre qualsiasi papa, non ha fatto altro che stare attento a non pestare i piedi di nessuno.
Non ci vuole molto a riabilitare Galileo nel XX secolo, nè a dispiacersi di milioni di ebrei morti ammazzati 30 anni dopo la morte di Hitler.
Lo vogliono fare santo?
Fatelo santo, per quello che vale, l'importante è che smettano di scassare i maroni!
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

5 commenti:

BUDDA ha detto...

io ho la soluzione. aspettate che la tv si guasti, ma poi badate bene a non cambiarla, tenetela in salotto buona buonina nel suo silenzio e vederete che nessuno vi scasserà le palle su niente.

Lady M ha detto...

grandissimo post, e foto totale.

Fonzie ha detto...

ahahah sta foto è no spazzo!!!

Rufus86 ha detto...

Spazzo!!!!

Edric Ant ha detto...

Tutto merito di Nonciclopedia per la foto.

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.