Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

sabato 9 maggio 2009

Necrologi noti e meno noti

Quando muore qualcuno, se non stimate il defunto e non siete un parente, festeggiate, vuol dire che c'è un po' più di ossigeno per tutti. Ancora non ho trovato una notizia che annunci la cosa in questione, ma ho scoperto che è morto Massimo Fagioli. Che quasi nessuno sa chi sia per 2 motivi
1) È un intellettuale e in questo paese, invece di notare una persona di cultura, preferiscono osannare uno sfigato che ha vinto 250 mila euro solo perchè è uno sfigato
2) Fagioli secondo me è un coglione e questo in parte contrasta col primo punto, perchè sono dell'opinione che un coglione è un coglione anche se ha una laurea cazzuta e una carriera avviata.
Perchè è un coglione?
Francamente so poco su di lui e il fatto che su internet si trovino poche informazioni sul suo pensiero è spiegabile attraverso sia il punto 1 (a noi italiani non ce ne frega un cazzo degli intellettuali) e anche il 2 (se non usi internet nel XXI secolo sei un vero sfigato!).
Ho comunque pochi dati che giustificano la mia bassa opinione di quest'uomo: è uno psichiatra, definisce l'omosessualità una malattia ed è un rifondarolo nonchè un probabile successore di Bertinotti (quindi prima dici che gli omosessuali sono malati e poi vai nello stesso partito di Luxuria?). Odiava profondamente Freud e si sentiva in diritto di dargli del cretino, cosa poco elegante se consideriamo che Freud non può controbattere per ovvi motivi, ma probabilmente era semplice invidioso, perchè Freud è un personaggio che, nel bene o nel male, fa parte della storia della scienza, mentre Massimo non ha nemmeno una pagina dedicata su Wikipedia (e se ce l'avesse sarebbe di 5 righe).
Oltretutto ho conosciuto un paio di persone che lo stimano molto e hanno seguito i suoi seminari e posso assicurarvi che hanno ben poco di terapeutico. Anzi!

L'altro decesso degno di nota è quello del caro Baget Bozzo. Temo che non ne creperanno mai abbastanza di tipi come lui per aver un mondo migliore. Penso che bastino due righe per dirlo.

L'ultimo decesso da menzionare non riguarda propriamente una persona, bensì il blogger di Clerofobia, il cui autore ha lasciato un post d'addio dove, con amarezza, saluta con grande stile tutti i suoi lettori e poichè questo paese di merda è invaso da troppi ritardati bigotti perchè poche persone intelligenti possano farli ragionare con un'argomentazione intellettuale. Andateci tutti e date un'occhiata prima che il blog si estingua!
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

10 commenti:

Anonimo ha detto...

uuu..che blog al vetriolo...
pensi davvero che qualcuno se la prenda per le banalità intrise di cattiveria al bromuro che scrivi?
grandi sbadigli
Anonimo

Edric Ant ha detto...

E tu credi che mi offenda per tre righe scritte da uno sconosciuto che non ha niente da fare e passa il tempo a scrivere commenti "cattivi" su un post di 3 settimane fa (e quindi è un commento totalmente inutile, dato che non lo leggerà nessuno)?

Trovati un amico.

Anonimo ha detto...

gne gne gne sei anonimo gne gne gne sei solo senza amici gne gne gne
Altro corollario di banalità.
Dai ciccio, non te la prendere così.

Edric Ant ha detto...

davvero impressionanti le tue doti oratorie

che tristezza

Anonimo ha detto...

LO SCEMO DEL VILLAGGIO..
ora capisco che il titolo del tuo blog non era ironico!!

ps: non sono l'anonimo del gne gne gne, ma un altro che crede tu sia una nullità..

Edric Ant ha detto...

Non mi scoccia tanto l'idea di essere insultato, ma il fatto di essere aggredito da 2 falliti che non mi spiegano nemmeno perchè merito di essere insultato.
E se è vero che sono quello che voi dite, ha senso perdere tempo per insultarmi?
Per me ha senso controllare i commenti sul mio blog, ha senso spendere 2 minuti per controllare e rispondere alle farneticazioni di due idioti.
Per voi ha senso perdere tempo a guardare un blog che non vi piace e insultarne l'autore?

Trovatevi qualcosa da fare, non capisco neanche perchè ci tenete a seguire questo post. Che c'è siete dei fan di Baget Bozzo o Fagioli?
Se sì ecco un altro motivo che fa capire quanto siano squallide le vostre vite...

Anonimo ha detto...

la tua notizia su Fagioli è infondata.

Anonimo ha detto...

io sono un fan di bozzo. mangio i fagioli la mattina. e tu sei uno sfigato pippaiolo che dona alla parola banalità un significato più ampio.

delupiis ha detto...

bravo ooooooo!!!

anche se nn hai avuto la fortuna di conoscere direttamente il personaggio la tua reazione di " è pancia" corretta. Anzi c'è di più: massimo fagioli che assieme alla sua cricca di psicologi che fa terapia al suo posto ,dato che nn puo' esercitare in quanto radiato da decenni dall'albo, sfrutta la debolezza di chi chiede aiuto a loro per fare proselitismo politico sparando a zero su il grande nemico della democrazia (x meglio dire dellas sinistra orfana dell'URSS), silvio berlusconi.
Da denuncia alla magistratura se questa fosse libera da pregiudizi politici.
Buona sopravvivenza a tutti (pure ai poveri fagiolini radical chic...)

Mario Marcucci

Anonimo ha detto...

Ahahah
spettacolare il post e i commenti levati a sua difesa!

Il dislcaimer "QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA" non vi esime dalla critica se sparate balle a ruota libera, sapete?

Fagioli non è stato "radiato" dall'albo. Fagioli, che è psichiatra, è stato allontanato dalla Società Italiana di Psicanalisi, che è un'associazione privata, non un albo professionale: una specie di Club. Tant'è che gli è stata conferita l'onoreficienza dello Stato per i 50 anni di professione medica. E tra l'altro esercita tutt'ora, eccome...

Ognun può dire ciò che vuole, ma non vi sembra un tantino ridicolo aprire un blog per parlare delle proprie frivole, inutili, infondate e volgari opinioni?
Una volta c'erano i Bar Sport per sparare cazzate. La rete potrebbe essere ben più nobile mezzo...

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.