Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

giovedì 7 maggio 2009

Io e Marley

Di sicuro non volevo vedere questo film a tutti i costi, ma, quando si è scelto di vederlo, mi intrigava l'idea di vedere un film con Owen Wilson dopo il suo ricovero post-tentato suicidio. Insomma, un attore che non ha una parte da protagonista dai tempi di Dietro le linee nemiche, sempre a fare il gregario o la spalla di qualche altro attore, ti credo che poi uno va in depressione! Se poi ti lascia pure la donna è quasi inevitabile! Insomma, finalmente un film dove fa il protagonista, perdio!
A conti fatti, anche qui deve dividere il ruolo di protagonista con un altro personaggio e, se alla fine primeggia, è solo perchè l'altro è un cane e non può parlare!
Owen Wilson, novello sposo di Jennifer Aniston, è un giornalista che si trasferisce insieme alla moglie in Florida. Come personaggio, è molto simile a quelli del passato: pacato, gentile, un po' troppo remissivo e gioviale. In casa la moglie è quella che comanda e lui decide di tenerla buona regalandole un cane, tanto carino all'inizio, ma che poi cresce e inizia a farla da padrone. Mentre questo cane cresce e fa guai, il padrone inizia a ritagliarsi uno spazio nella sua redazione, cambiando stile di scrittura, cambiando argomento e finendo per diventare l'autore di una rubrica tutta sua incentrata fondamentalmente sul suo cane. Carino il modo in cui il personaggio evolve col passare degli anni, cambiando le sue prospettive, cambiando quelle della moglie, Wilson diventa un padre di famiglia, cambia città con i suoi cari che lo seguono, cambia lavoro perchè non lo soddisfa, ma poi si rende conto che stava bene prima. E il cane, che è parte integrante della famiglia, lo segue nei suoi movimenti. Un film vagamente filosofico, anche se dal messaggio banalotto: fondamentalmente noi uomini ci muoviamo in continuazione e non siamo mai soddisfatti, mentre i cani sono felici comunque, se hanno un padrone che tiene a loro.
Niente di che però.
Il film non è particolarmente divertente, nella prima parte ha un bel ritmo ed è simpatico, ma in quella finale rallenta e non c'è niente che compensi questa caduta nel ritmo.
Non male Owen Wilson. Ma piuttosto anonimo, è la sua tragedia!
Voto 5/10
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

3 commenti:

Anonimo ha detto...

perdio!! cambiate lo sfondo nero, che poi col cacchio che arrivo fino alla fine!!

Barack Obama ha detto...

Giammai! Il nero sta bene su tutto

Anonimo ha detto...

questo blu abbronzato va già meglio! grazie per la prontezza.

il solito anonimo, cioè BUDDA

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.