Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

sabato 14 maggio 2011

RED

Questo film dovrebbe chiudere il trittico di film spacconi di questo mese. Anche se, data l'abbondanza di titoli di questo periodo, non bisogna mai dire mai.
L'acronimo del titolo sta per Reduci Estremamente Distruttivi.
Il film narra le vicende posteriori a quelle descritte nell'omonimo fumetto e inizia con un analista in pensione della CIA (un mitico Bruce Willis dall'aspetto navigato, ma per nulla acciaccato) che scopre che qualcuno vuole farlo fuori. E così la sua vita mite e noiosa di pensionato riprende a essere avventurosa e pericolosa e lo porterà a contattare i vecchi colleghi.
I diversi luoghi in cui si sposta l'azione durante la trama sono presentate da intermezzi grafici che si ispirano a copertine di romanzi spionistici da quattro soldi che però prendono vita in questa rocambolesca avventura.
La trama è avvincente e movimentata e le risate sono tante, con spacconate a non finire.
Il personaggio migliore è indubbiamente Marvin, un vecchio collega paranoico e bizzarro con metodi violenti e abitudini stravaganti, impersonato da un grande John Malkovich.
Altro punto eccelso è la colonna sonora, incalzante e tosta, ottima per accompagnare le scene di azione e i vari avvenimenti durante il film.
Tanti colpi di scena e tante, tante risate, molta artiglieria e poca violenza, specie se contiamo che questo film l'ho visto dopo Machete.
Un po' affrettato il finale, ma lo perdoniamo.

Voto 8/10


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Nessun commento:

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.