Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

venerdì 3 ottobre 2008

Fast food?

Martedì a pranzo mi è capitato di sostare al MerDonald per pranzo (che esperienza entusiasmante) e durante l'attesa di addentare l'agognato pranzo mi sono soffermato a pensare all'etimologia del termine "fast-food". Innanzitutto così, a pelle, direi che "cibo veloce" può essere un'approssimata glossa di "fast food": dunque CHE MINCHIA LO CHIAMANO A FARE COSI?
Fermiamoci sul primo costituente del concetto di fast food: l'aggettivo fast. Ore 12.45 di un martedì di inizio ottobre in uno sperduto MerDonald nei pressi dell'Appia Nuova: direi dunque che non siamo al centro di New York a 5 giorni dal Natale. Allora mi spiegate perchè cazzo ci sono 6 metri di fila? Fila che unita all'alta inefficenza dei commessi fa si che la velocità media di avvicinamento alla cassa della gente in attesa sia di 0,5 metri al minuto...un vero martirio.
In dieci minuti circa riusciamo finalmente a raggiungere il bancone e la cassiera. Bene. Ordiniamo le porcate più porcate che possiamo trovare nel Menu, l'appetito è tanto e la bile mi corrode il fegato per la rabbia: me ne sbatto della fame nel mondo. Altri 3 minuti di attesa che arrivino i panini: e vabbè dai, se non altro non ci danno una patacca di hamburger freddo e pieno di germi,no? (come sono ottimista).
Riusciamo infine a sederci e ci apprestiamo a consumare il nostro pranzo: un panino di plastica big, farcito con carne di quello che credo sia dodo (perchè non penso alcun animale ancora in vita sulla terra abbia quel sapore) , con patatine stra cotte unte con la brillantina e una coca che sa di olio di fegato di merluzzo. Per la rabbia mi succhio anche la maionese dai tovaglioli del tipo al tavolo accanto.
Cazzo, non faccio neanche in tempo ad uscire dal locale che mi prende allo stomaco una fitta acutissima, manco mi avessero infilato una baionetta su per l'intestino: lo sapevo, non dovevo mangiare le fette biscottate con la marmellata stamattina!
Morale della favola: 15 minuti di attesa per un panino flaccido ripieno di carne umana, patatine secche e fritte con il paraflu ed una bevanda che sa di brodo vegetale. Ed il tutto per 6 euro e 80! Era meglio un pezzo di pizza dall'egiziano dall'altra parte della strada.
Per stavolta sono d'accordo con i vegani: sarebbe stato più genuino un frullato di broccoli e lenticchie!
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

2 commenti:

Edric Ant ha detto...

Si usa fast food perchè i panini non sono serviti velocemente, ma VANNO MANGIATI velocemente.
Se non ti mangi in fretta un cheeseburger passa troppo tempo dopo 5 minuti prende vita, viene imprintato e mentre lo stai addentando ti strilla "papà non mi mangiare!".

Un broccolo ha detto...

Non sono daccordo! Mangiati un cheeseburger e non rompermi le scatole!

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.