Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

lunedì 24 settembre 2012

Mexican standoff all'italiana

Riassunto delle puntate precedenti.
La Polverini negli ultimi mesi aveva accumulato una discreta serie di figuracce in cui la si vedeva sperprerare risorse pagate dai contribuenti per gitarelle fuori porta, operazioni mediche che hanno comportato lo svuotamento di interi reparti per garantire la sua sicurezza e privacy (che genio, voleva discrezione e ha pensato bene di cacciare decine di degenti per essere discreta e non dare nell'occhio!) e opulenti festini di cui, ovviamente, non sapeva niente.
Certo è anche possibile che l'abbiano rapita e trasportata a forza in elicottero per farla abboffare di peperoncino, che dei perfidi medici l'abbiano voluta isolare per dispetto in un reparto tutta da sola e senza la compagnia di altri pazienti e che si sia per sbaglio ritrovata a un festino a sorpresa che trovava deprecabile, ma che non ha voluto criticare perchè andava contro alla sua leggendaria pacatezza e rispetto per la cortesia.
Cose che succedono.
Solo quest'ultimo evento - lo sperpero di soldi pubblici in festini e altre frivolezze - è riuscito a dare la botta finale al dominio Polverini, non solo perchè più grave in termini economici, ma anche perchè ci sono tante prove inequivocabili a riguardo. Tutto merito di Batman. Di quello grasso, mica di quel vegano depresso di Christian Bale!
Fatto sta che tutti hanno iniziato a gridare alle dimissioni.
La Polverini prima annuncia che ci penserà, poi dice che lo farà. Poi non lo fa, visto che dice di aver risolto tutto (annullando gli ultimi dannosi provvedimenti da lei stessa programmati).
Chiunque abbia uno sputo di intelligenza, che nel mondo della politica equivale a un Nobel, avrebbe semplicemente fatto un innocente paragone col caso Marrazzo, che si dimise per molto molto molto meno.
Ma quelli del PD non ci arrivano.
E hanno pensato invece di dimettersi loro, sperando che la Polverina, spinta dal senso di colpa, facesse altrettanto per l'elevata tensione morale che la contraddistingue.
Campa cavallo!
Perchè hanno fatto così?
Il PD ha fatto così perchè fedele alla sua strategia principe - ovvero la ritirata per principio, sempre e comunque, anche di fronte a un nemico indebolio - oppure c'era qualcosa sotto?
Ovviamente la seconda e anche per questo non ci vuole un genio a capirlo.
Il PD ha pensato bene di battere in ritirata perchè era chiaro che aveva una minima parte di complicità nello scandalo e ha deciso di battere in ritirata prima che la Polverini mettesse in atto un'altra nota strategia della sua parrocchio sintetizzabile attraverso la frase: tu mi critichi per aver rubato un milione d'euro, ma sei un ipocrita perchè l'anno scorso ti ho visto mentre non pagavi il biglietto dell'autobus, quindi sei altrettanto colpevole!
Chiunque abbia più di 3 neuroni sa che probabilmente il PD, o almeno qualcuno del PD, aveva in parte colluso coi traffici della Polverini, ma nessuno lo diceva, anche perchè non ci vuole nè un genio nè un eroe a scoprire l'acqua calda.
ED così ecco che arriva la Bonino, spacciandosi per quella che, per l'appunto, ha scoperto l'acqua calda.
La Bonino, che all'epoca delle elezioni correva col PD, solo ora si sveglia e tira fuori che già da allora si stava pensando a uno spartimento di soldi pubblici fra i Partiti e che, quando lei coraggiosamente cercò di impedire la cosa, si attirò gli attacchi da parte del PD.
Povera martire, la Bonino.
Ma se era un'eroina, perchè solo ora esce fuori che già da allora vi era una tacita complicità nella spartizione dei fondi?
Non è che per caso lo fa per dare due gomitate a quelli che l'avevano sostenuta - sebbene di malavoglia e ora capisco perchè - quando si voleva candidare alla regione?
E non venga a parlare di calcoli politici del PD perchè lei, da brava Radicale, ha la medaglia d'oro nel campo!

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Nessun commento:

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.