Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

lunedì 24 gennaio 2011

Fine politica

Strano che un idiota come Casini sia così idiota.
Sì, è un'imbecille senza senso, ma ci vuole un minimo di abilità e pochissimo rispetto per se stessi per riuscire a barcamenarsi a lungo fra Maggioranza e Opposizione, facendo credere prima all'uno e poi all'altro di volersi mettere con uno dei due. Il segreto sta nel cercare di leccare culi a tutti e promettere qualcosa che soddisfi tutti.
È quello che ha cercato di fare con l'ultima dichiarazione: dare la fiducia al PdL, ma solo se se ne va Berlusconi.
Il suo stile? Cercare di accontentare tutti con una promessa che inevitabilmente non ha intenzione di mantenere. Pensava di far felice il Governo salvandolo, di far felice l'Opposizione aiutandola, di far felice il Papa levandogli l'imbarazzo di appoggiare un Governo di papponi, facendo felici gli idioti che lo votano e perfino Berlusconi, che tanto avrebbe continuato a controllare nei fatti il Governo.
Peccato che così sia riuscito a inimicarsi i tutti per l'idiozia di una proposta simile.
Non avrei mai pensato che nella mia vita avrei mai dato ragione a Bondi, ma per colpa di Casini è successo.
Il PdL, essendo stato creato, guidato, organizzato e, non meno importante, stipendiato da Berlusconi, non avrebbe senso senza Berlusconi. Essendo composto da una massa di lacchè al suo servizio avrebbe il senso di una scatola vuota senza di lui, dato che effettivamente Ammesso che Berlusconi se ne vada di sua spontanea volontà (non succederà mai) è insostituibile in quanto leader di un Partito simile.
Un Governo col PdL alla guida senza Berlusconi durerebbe meno di quello di Prodi, dato che l'unico collante che lo tiene unito (i soldi del boss) andrebbe perduto; resterebbe l'altra qualità caratterizzante del Governo, ovvero l'imbarazzante incapacità dei suoi membri. Chi sarebbe l'unico leader che più si avvicina a Berlusconi e che potrebbe almeno cercare di sostituirlo in quel caso? Bossi.
Il paese rischierebbe di finire completamente nelle mani di un vecchio rimbecillito e del suo Partito di buzzurri mangiapolenta a tradimento.
Tracollo del Paese dopo due giorni e anche della Padania nel caso ci fosse la Secessione.
Bravo Pierferdi, sei un vero genio!
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Nessun commento:

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.