Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

mercoledì 10 settembre 2008

Niente più lucciole per strada. Ora andranno tutti da lei!


Secondo me la legge Merlin è sempre stata un'idiozia, prodotto di un connubio perverso fra bigottismo e femminismo. E la simpatica ragazza del sud sopra mi aveva inizialmente colpito favorevolmente quando aveva proposto la riapertura delle case chiuse.

Ma purtroppo noi ci troviamo nella cattolicissima italia, paese di bigotti e benpensanti e la nostra Mara ha fatto dietrofront di fronte all'opposizione dei nostri integerrimi politici. Ma non del tutto. Per difendere la decenza delle strade italiane, la nostra casta eroina ha deciso di combattere sempre più duramente la prostituzione per le strade. Colpendo i clienti e le prostitute con un arresto dai 5 ai 15 giorni e un'ammenda che va dai 200 ai 3000 euro. Senza contare che io non sopporto questo accanimento su un povero cristo che va a troie, mi fa veramente ridere il fatto che questa si accanisca anche sulle prostitute perchè non mi risulta che il modo migliore per levare dalla strada una donna sia quello di farle una multa, in questo modo rimane in mezzo alla strada più a lungo. Per non parlare poi del fatto che le nostre carceri sono già strapiene a causa dei nuovi delitti inventati per rompere i coglioni solo ai poveracci, talmente piene che si stanno inventando un sacco di vaccate per rifare lo stesso indulto per il quale criticarono il Governo Prodi.

Siamo in Italia, signori: qua la gente si preoccupa solo di faccende inutili.


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

1 commento:

falsomagro ha detto...

Carcere a chi si prostituisce per strada e ministeri a chi lo fa nell'ufficio del nano malefico, ecco le pari opportunità

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.