Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

sabato 1 marzo 2008

Novità in campo culturale.

L'arte rappresenta i tempi nei quali vive.
E l'arte moderna rappresenta egregiamente l'Italia di oggi nel campo del cinema, delle arti figurative e della letteratura.
Mi chiedo però, se c'è proprio bisogno di tutte queste ridondanze. Se voglio vedere la spazzatura, pago un biglietto di treno per andare a vederla in Campania, non per entrare in un cinema a vedere un film pietoso.
La cultura sta agonizzando in una pozza di sangue e qualcuno infierisce. Ma non le concede la misericordia del guerriero, no, una morte veloce e più o meno indolore non gliela vuole dare nessuno. Preferiscono torturarla lentamente per farla morire con straziante lentezza e fra mille dolori.
Ecco alcuni fra gli strumenti di tortura

Parlami d’amore = Muccino si lamenta che Nanni Moretti non lo stima. Personalmente trovo Moretti antipatico, ma lo capisco. Dev’essere duro rosicare ingoiando bile vedendo che il film di un fallito ha successo e non basta dire eufemisticamente che non ne stima il regista. Sarebbe bello tornare a quei tempi in cui gli artisti esprimevano le loro rivalità con qualche insulto più diretto e la cosa poteva sfociare in un bel duello di spada. Se Muccino è abile con la spada come lo è in quanto attore, regista, uomo o scrittore, Moretti è in grado di fargli il culo anche armato di stuzzicadenti.
Cuore ti ribalto di Claudia92 :): Un’altra originalissima cacata di questi tempi. Una fan di una merda d’uomo che ha deciso di seguirne le gloriose orme facendo un libro che, forse è solo un impressione, ma credo che parli di una storia d’amore.
Qualcosa di buono c’è, va detto. Ora la gente leggerà i libri di Moccia, li paragonerà con quelli di questa ritardata e si renderà conto che il loro tipo di scrittura è uguale, ovvero corrisponde alla scrittura di una ragazzina con un’età mentale di otto anni.
Sanremo: Sono fiero e orgoglioso di poter dire che non so nemmeno se lo stanno ancora mandando in onda o è finito. Chi ha vinto? E' finito? Qualcuna ha mostrato le tette? BHOOOOOO! Chissenefrega!
Grande fratello: Stesso discorso di prima. La differenza è che Sanremo ha rotto i coglioni dopo cinquant’anni che lo fanno. Il Grande Fratello li ha rotti molto prima.

2 commenti:

LELE ha detto...

Abbastanza daccordo con la tua desamina....!
Orgoglioso di non poterti dire chi ha vinto a Sanremo.....!
Ti ho aggiunto ai link amici...!Buona domenica...!

irezumi ha detto...

Propongo di aggiungere a questo progetto "culturale" quella meravigliosa opera di finzione che si chiama 'Porta a Porta'.

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.