Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

martedì 8 maggio 2012

Pessimismo e fastidio

Siamo in un momento buono?
Bho.
Troppo presto per dirlo.
In Francia la Sinistra vince, di poco ma vince.
Possiamo dire la stessa cosa dell'Italia?
Ni.
Nonostante le recenti e goduriose figure di merda di Lega e PdL, Pd e Sinistra e Libertà hanno risultati fiaccherelli, contando che avrebbero potuto/dovuto approfittare del momento.
Il perchè è spiegabile in base all'astensionismo e all'ascesa del Partito a 5 Stelle che, invece, ha approfittato alla grande del momento.
Il successo per Grillo è grande, anche se non ha ancora la maggioranza.
Il punto è questo.
Possiamo essere felici del successo di Grillo?
Grillo, dopo anni che non fa più ridere come comico, potrebbe finalmente buttarsi direttamente in politica.
Ma qui entrano in gioco tanti punti interrogativi.
1) Siamo sicuri che il suo Partito non subirà la corruzione che hanno subito anche gli altri? 20 anni fa un Partito nacque da un forte consenso popolare locale, nato contro gli sprechi della politica e molto radicato nel territorio. Quel partito era la Lega. Chi ci dice che fra 20 anni non ci ritroveremo la figlia o qualche nipote grilliano con una posizione di assessore strapagato?
2) Fondamentalmente Grillo può considerarsi di Sinistra, ma i suoi seguaci hanno una provenienza eterogenea, molti sono ferocemente anticomunisti per principio, mentre altri sono fra i più idealisti ex rifondaroli
3) Grillo non si alleerà con i Partiti che ha sempre attaccato, se lo farà andrà contro tutto quello che ha costruito fin'ora. Deve fare di meglio e dare prova di gestire bene le città che ha conquistato. Un conto è criticare una data gestione, un conto è accollarsela con tutte le responsabilità annesse. Ce la farà?
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Nessun commento:

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.