Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

lunedì 5 dicembre 2011

Stasera ho fatto un incidente.
La macchina è distrutta, ma io non mi sono fatto niente, al massimo mi sono morso il labbro e ancora ho un certo saporaccio in bocca, forse colpa del fumo del radiatore, forse dell'air bag.
Andavo sul raccordo a velocità non molto alta e un tizio mi ha tamponato. A gran velocità, di cattiveria.
Prima ho sbandato e ho sbattuto contro lo spartitraffico, poi ho fatto un testa-coda e alla fine sono andato a sbattere di culo contro il gard rail.
Quando fai il botto nella vita reale non ci sta un rumore metallico in stile spettacolare come nei film. Plastica. La maggiorparte delle macchine che si fracassano emettono un rumore simile a un oggetto di plastica che si rompe. O almeno la mia fu macchina.
Avete presente quelle scene dei film in cui il tempo si rallenta e ti passa la vita davanti? Uguale!
A parte la bestemmia che ho sparato, che rischiava di essere l'unica frase della mia vita.
Il momento più brutto onestamente è stato quello in cui usciva il fumo da tutte le parti e non riuscivo a uscire perchè le porte erano bloccate. Per fortuna la macchina non è esplosa come nei film.
Forse avrei dovuto far finta di star male e farmi portare al Pronto Soccorso, stupidamente non ho chiamato la polizia, ma ero un tantino scosso.
Dopo mi stavo pure dimenticando di pagare il Pronto Intervento, il che è pure comprensibile dato il casino e il simpatico prezzo di 250 euro + IVA (credo di essere uno dei primi beneficiari delle Riforme del Governo Monti).
Ci sarebbe quasi da diventare religiosi dopo essere scampati a una botta simile.
Quasi.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Nessun commento:

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.