Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

giovedì 4 novembre 2010

Valori e famiglia innanzitutto

Essere cattolici già dovrebbe essere di per sè un motivo di vergogna, da nascondere con attenzione se hai degli amici intelligenti
Anche appoggiare un porco incapace di governare dovrebbe esserlo.
Peccato che la gente abbia perso ogni ritegno, dignità o logica.
Quando è un elettore di Sinistra a credere negli amici invisibili, questi lo nasconde, oppure giustifica le sue credenze in un qualche modo, mette dei distinguo, appoggia alcune scelte della Chiesa pur non condividendole tutte. Non mi convincono, ma quantomeno si applicano e hanno uno sputo di onestà.
Quando però il baciapile in questione è anche un elettore di Centro o di Destra, allora è una lotta senza speranza.
Dimenticatevi di trovare anche un solo sprazzo di onestà, dignità, coerenza o rispetto per se stessi.
I cattolici di Destra non hanno nessuna di queste qualità. Non le hanno mai vaute.
A niente servono le manifestazioni di imbarazzo per la presenza di un pluridivorziato e adescatore di minorenni alla Conferenza per la Famiglia. A niente servirebbe far notare a un arcivescovo quanto siano ridicole le sue filippiche contro l'immoralità dilagante di questo paese quando al suo fianco ci sta il pedopremier che controlla la tasca per vedere quanto viagra s'è portato appresso per una serata particolare.
Non serve a niente.
Le famiglie cattoliche, che credono nei valori e vanno a messa almeno una volta a settimana, non hanno più problemi nell'ospitare in una loro conferenza un uomo come Berlusconi.
Qualcuno si sarà indignato, ma poi hanno deciso di stare tutti zitti. Berlusconi ha il potere di elargire qualche sgravo fiscale per le famiglie e questo è come una bistecchina fatta sventagliare davanti a un cagnolino affamato. I soldi che avranno le famiglie saranno ovviamente tolti alla Ricerca, all'Istruzione, ai Comuni, alle Forze dell'Ordine. Ma le famiglie vogliono quei soldi e per averli sono ben disposte a portare le pantofole al padroncino.
Prima hanno pensato bene di credere alle sue parole e convincersi che era tutto un complotto delle toghe rosse; ora, dopo che Berlusconi ha praticamente confessato, si dicono che non importa loro se ha fatto qualche marachella, l'importante è basarsi sui fatti, i successi di questo Governo.
Strano che un tizio che crede in un essere superiore che non può vedere o toccare, si traformi improvvisamente in una persona unicamente interessata ai fatti.
Peccato che i fatti siano anch'essi problematici, perchè non saprei dire quale dei due sia più imbarazzante: la vita privata del premier o l'operato del suo Governo?

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Nessun commento:

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.