Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

domenica 19 settembre 2010

A quando il remake?

Se non siete troppo impegnati a guardare siti pedopornografici o peggio vecchie repliche del Grande Fratello, vorrei ricordare a tutti voi che oggi ricorre l'anniversario della breccia di Porta Pia. Non c'è bisogno che corriate a prendere il libro di storia della scuola che vi siete dimenticati di vendere per leggerlo e per fare finta di sapere cosa è successo dopo.
Se invece state ancora a scuola non so ancora se la Gelmini è riuscita a pubblicare nuovi libri di testo che danno più spazio a tesi revisioniste: il suo progetto è di far scrivere che nel 1870 Pio IX cedette spontaneamente il potere temporale al nuovo Stato italiano per un periodo di prova di più o meno 50 anni alla fine dei quali un signore onesto e timorato di Dio decise di ridare alla Chiesa il potere di uno Stato com'è giusto che sia.
La mia faziosa e criminale versione dei fatti consiste in un'interpretazione che vede quest'evento come l'ultimo episodio storico in cui l'Italia ha fatto qualcosa che le permette di definirsi una Nazione seria. Dopo secoli e secoli di soprusi e ingerenze della Chiesa sugli italiani e il resto del mondo, l'Italia si è resa conto che lo Stato Vaticano andava eliminato e inglobato.
Roma era già stata assediata e occupata, anche da eserciti italiani, ma non era mai stata un'occupazione permanente. Solo inglobando lo Stato Vaticano nel nuovo Stato italiano si poteva eliminare il cancro della Chiesa dalla penisola.
Ci volevano le palle per farlo e lo poteva fare solo il Paese che fino a quel momento aveva subito direttamente e indirettamente più danni da parte del Vaticano, ovvero l'Italia.
E il 1870 è per l'appunto l'anno della riscossa, l'anno in cui gli italiani, dopo più di un millennio e mezzo di potere temporale, hanno deciso che era arrivato il momento di farsi valere sulla Chiesa.
Peccato che dopo il 1870 le cose sono andate male: malgoverno sabaudo, arretratezza, una Guerra Mondiale, un dopoguerra tumultuoso e infine, un fascismo che ha deciso di ricreare lo Stato che eravamo riusciti a rovesciare con tanta fatica.
Se siete più patriottici di me e avete una bandiera in casa (che io non ho) sventolatela anche per me (sperando che qualche leghista di merda non vi rompa le palle).
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Nessun commento:

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.