Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

lunedì 15 marzo 2010

Mi hanno bannato da facebook

Il mio account su facebook è stato disabilitato.
Mi ero connesso stamattina e dopo due ore neanche ci sono rientrato e ho visto che l'account era stato disabilitato.
Motivo? Ero andato contro il suo regolamento che impone di non usare nomi falsi o impersonare altre persone o entità, oppure dichiarare il falso o dare una falsa rappresentazione di se stessi o della propria affiliazione.
Da una parte ho sempre sognato di essere escluso da un qualche genere di affiliazione e, dopo tanti anni di attività troll, ho finalmente raggiunto il mio scopo.
D'altra parte tutto ciò è abbastanza inquietante se consideriamo che, con milioni di utenti in tutto il mondo, facebook in grado di controllare e bannare un tizio per una stronzatina come l'utilizzo di un nome finto e l'aver scritto un paio di cazzate sul profilo.
L'intero mio profilo, con le foto, i gruppi, le mie citazioni preferite, i libri, i film, le musiche, le mie finte professioni e tutte le persone che ho aggiunto (alcune delle quali non ho mai visto, ma ho aggiunto per fare numero o perchè erano ragazze gnocche con le quali avevo lo 0,001 % di probabilità di rimorchiare).
Dopo aver passato 30 minuti a piangere nella vasca da bagno per la morte del mio Falso Sè, ho deciso che CHISSENEFOTTE.
Insomma, tutto ciò è profondamente contraddittorio.
Facebook serve a due cose
1) Provarci con la ragazza delle medie o delle elementari che da grassona è diventata una fica pazzesca
2) Esibire a tutto il mondo qualcosa che non ha assolutamente niente a che vedere con quello che siete veramente
Guardare le foto degli ex è roba da masochisti, i ritrovi delle medie sono tristi e le ragazze fiche della vostra infanzia o quelle che avete conosciuto durante la vacanza studio non ve la daranno mai.
Quindi, se non posso nemmeno avere un profilo in cui posso scrivere stronzate e mentire sul mio nome, la mia identità, il mio lavoro e la mia personalità, che cazzo me lo rifaccio a fare facebook?
Quindi, quantomeno per ora, non ricreerò il mio profilo.
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Nessun commento:

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.