Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

mercoledì 13 luglio 2011

Salsa: cosa fare quando ti trovi in una discoteca latina

Durante la mia vita notturna ho conosciuto tre tipi di discoteche: quella coatta, quella metal e quella latina.
Ho deciso di ordinare questi generi a seconda il grado di evoluzione darwiniana nel quale vi potete imbattere al loro interno.
Discoteca coatta
Il livello più basso dell'evoluzione umana si trova con la discoteca classica.
Il primo elemento che si riferisce al grado di evoluzione è la musica: la complessità è nulla, ci sono probabilmente ritmi tribali più elaborati.
Il secondo elemento che spicca nella definizione di questa discoteca è l'utenza: principalmente e fondamentalmente coatti.
Gli esemplari di coatti femminili vogliono fare tre cose in discoteca: ballare (se quello si chiama ballare!), essere guardate e, ogni tanto, essere trombate. Le figure coinvolte sono
le suore = non la danno. Donne inutili
le profumiere = sembra che te la diano, ma poi non te la danno. Dannose
le passeggiatrici = quelle che vanno avanti e indietro per la discoteca vestite da battone con l'unico scopo di farsi scopare con gli occhi da tutti gli esemplari maschili, meno dannose delle profumiere, anche se più patetiche
le troie = Dio le benedica, anche se hanno un problema perchè o sono delle tardone disperate o delle troie in senso biblico o delle navi di virus che passano da un uomo all'altro. Ma a volte ne vale la pena
Passiamo agli esemplari maschili.
Un uomo senza disturbi d'identità di genere, sano di mente ed eterosessuale va in discoteca per un solo motivo: scopare.
In quel caso il metodo meglio collimato per avere successo nel campo è il seguente: di avvicinia una ragazza nell'istante in cui balla da sola (pochi istanti in genere a meno che non sia una passeggiatrice, una tardona o una profumiera) e a quel punto glielo metti al culo.
Questi sono i motivi per i quali considero la discoteca classica come l'infimo grado della civiltà.
Discoteca metal
Non sono così esagerato da affermare che i livelli intellettivi di chi frequenta le discoteche metal siano più alti di quelli di coloro che frequentano quelle classiche. Ci vorrebbe uno studio con un campione troppo grande per avere una validità scientifica.
Sicuramente ciò che distingue i coatti dai metallari è che i metallari sono autenticamente convinti di andare in discoteca per ascoltare buona musica.
Per il resto non ci sono differenze fondamentali esagerate.
Fra i metallari ci sono inevitabilmente meno profumiere e suore, le passeggiatrici in genere sono rappresentate da dark omosessuali che svolgono le stesse funzioni col risultato che però portano i maschi eterosessuali a conati di vomito e non a ecciamento sessuale. La tecnica del coatto classico ha minore effetto. Le metallare si fanno meno scrupoli a darti una gomitata sullo stomaco e possono darti una botta anche senza volerlo quando pogano.
Discoteca latina
La musica latino americana può piacere o non piacere. Il genere è stato posto sopra agli altri non per la qualità della musica, ma per il fatto che (escludendo il Reggaeton che è praticamente una scopata in piedi al pare della feccia discotecare già menzionata) la musica di quel genere è composta da balli dove è necessaria una minima padronanza della tecnica di ballo. Dove c'è la tecnica a delimitare le regole dell'approccio nel ballo c'è una maggiore possibilità di essere sensuali senza bisogno di essere volgari.
Vuoi chiedere a una ragazza di ballare con te? Non le vai addosso, non te la strusci, non le devi gridare nell'orecchio se vuole ballare con te, nè ballarle attorno in una ridicola danza dell'accoppiamento sperando che ti si fili. Le prendi la mano con delicatezza e se lei ti fa resistenza vuol dire che non vuole ballare con te.
Differenze ulteriori rispetto alle precedenti discoteche.
L'età è più o meno la stessa, con ampie variazioni. Ebbene sì, i sessantenni li vedi anche nelle serate metal, fattene una ragione, il mondo è storto. Riguardo l'età ho riscontrato un'alta frequenza di coppie con differenze d'età anche imbarazzanti. Non è razzismo, ma in quell'ambiente abbondano le mantenute.
Il coatto, figura interdetta rispetto alla discoteca metal (grazie agli dei!) è in agguato anche in questi ambienti, ma per fortuna gli esemplari del genere sono in gran parte destinati alle sale Reggaeton, con una minoranza di coatti istruiti che frequentano le sale dove si ballano altri balli.
Rispetto al dress code delle altre due discoteche quello nelle serate del genere è relativamente più abbordabile. Una curiosità: in una discoteca la gente più è vestita in maniera ridicola ed esagerata, più è una bestia nel ballo!

Nessun commento:

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.