Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

martedì 22 giugno 2010

Gli esami non finiscono mai

Solitamente non me ne fotterei della vita del liceo tantomeno della vita degli studenti che lo affollano, dato che ogni anno diventano più coatti, ignoranti, noiosi e idioti, ma è inevitabile e necessario dedicarci un po' di tempo ogni tanto.
Udite udite, sono uscite le tracce della prima prova.
Fanno cacare.
Come sempre del resto, con qualche anno che fa eccezione perchè c'è almeno una traccia su 4 decente.
Ma passiamo alle tracce in questione.
- Nel filone scientifico (LOL), con l'alibi di aver tirato in ballo Kant e Hawkings, si pone l'originalissima questione. Esistono gli UFO? Ma almeno lo pagate qualche diritto d'autore a Voyager o a Focus per aver tirato fuori una traccia così tristemente banale?
- Per quanto riguarda la politica tirano fuori come tema i giovani e loro ruolo in politica.
Certo, seduciamo i ggiovani d'oggi illudendoli di poter contare qualcosa in politica e di poter impedire che i vecchi di ora ce lo mettano nel culo. Quando quando questi ggiovani saranno settantenni con carriere ridicole e nessuna possibilità di entrare in pensione ricorderanno con nostalgia le sveltine in bagno e quel bel tema pieno di cazzate che hanno scritto alla maturità
- La ricerca della felicità. Sono inutili le manifestazioni di gioia di Zamagni, felice (per l'appunto!) che qualcuno abbia preso in considerazione la sua teoria. Tanto la maggiorparte dei temi citerà il film di Muccino e a lui non se lo filerà neanche un istante.
- Piaceri e piaceri. Il tema preferito degli emo
- Tema sulla musica. Ah certo, possiamo citarli tutti, da Aristotele a Kurt Cobain, da Mozart a Tonino Carotone. Ma che cazzo di senso ha fare un tema sulla musica in un liceo classico, dove non esiste nemmeno una materia destinata alla musica?
Dulcis in fundo, l'analisi di un testo di Primo Levi e il giorno del ricordo delle Foibe.
Qualcuno si è chiesto perchè ho accostato un autore come Levi alle Foibe?
Spero che qualcuno si sia accorto di questo (voluto) accostamento forzato, perchè se qualcuno l'ha notato, vuol dire cha ha ancora un po' di materia cerebrale non erosa definitivamente.
Ci sono riusciti.
Questo è il primo anno in cui vengono menzionate le Foibe in un esame di Stato.
In più vengono menzionate come traccia d'esame insieme a una traccia d'esame che menziona Levi, inevitabilmente collegato al massacro della Shoa.
Questo fa parte del loro piano, fare in modo che il massacro di 6 milioni di ebrei possa essere messo sullo stesso piano di una quantità infinitamente minore di morti italiani, ma più importanti perchè italiani, perdipiù ammazzati da (INDOVINATE UN PO'???) comunisti.
Se continuiamo di questo passo fra un anno il massacro degli ebrei e delle Foibe apparirà nella stessa traccia di quello degli ebrei.
E l'anno dopo chissà, magari non appare manco più sul calendario il giorno della memoria!

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Nessun commento:

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.