Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

venerdì 8 gennaio 2010

Qualcuno si sta svegliando?

Mentre gli italiani sono ancora troppo impegnati a far funzionare il digitale terrestre, ecco che gli immigrati si svegliano giù al sud.
Inutile dire che la notizia passa quasi completamente in sordina alla Tv e sui giornali, un poco meglio per quanto riguarda la radio e iternet.
Ma questo non vuol dire ovviamente che internet sia la salvezza e tutto il resto sia pieno di cattivoni.
I vermi e i ritardati scrivono anche su internet, questa è una cosa che Grillo si dimentica in continuazione e la notizia che ho linkato ne è un chiaro esempio.
Certo, gli immigrati sono in rivolta, gli immigrati hanno bruciato un paio di macchine e creato tafferuglio.
E giù con una lunga serie di dichiarazioni e recriminazioni, nonchè proclami contro la violenza e uscite della serie qualcuno pensi ai bambini!
Guardacaso, dopo una lunga serie di dichiarazioni di politici di destra, questori col manganello dietro la schiena e di vecchi rincoglioniti che hanno perso due orette di sonno, ecco apparire un trafiletto dedicato a uno degli immigrati che spiega che tutti gli immigrati a Rosarno subiscono quotidianamente vessazioni ogni giorno.
Ebbene sì, signori miei, se gli immigrati fanno casino lo fanno per una buona ragione, lo fanno perchè non ne possono più di quello che subiscono dagli abitanti del paese e dagli imprenditori da quattro soldi che li sfruttano, non fanno casino perchè i negri sono cattivi.
Assolutamente comica l'uscita degli investigatori: la 'ndrangheta non c'entra.
Ah peccato, non potete nemmeno dare la colpa a qualcuno che non sia il precedente Governo o la criminalità organizzata. Non è che le cosa vanno male solo per opera della Mafia, a volte basta solo l'idiozia di chi sta al Governo.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Nessun commento:

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.