Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

giovedì 6 maggio 2010

Chi più ne ha più ne metta

Vorrei creare un documentario che smascheri il nepotismo che dilaga in questo paese. Però per creare un simile documentario avrei bisogno di qualche aggancio.

Scontro Carfagna-Bocchino. E dire che eravamo così abituati a vedere queste 2 parole insieme!

Laziogate. Storace dice che se ne andrà tranquillamente in prigione, in caso. O sa che non gli succederà niente o, a forza di fare politica, si diverte a dare il culo.

Berlusconi assume ad interim il Ministero lasciato vuoto da Scajola dopo le sue dimissioni. Tanto - dice Berlusconi - anch'io sono bravissimo a fare figure di merda.

La Carfagna si sposa. Vuole una femminuccia, perchè al marito non andrebbe di giocare a pallone. Non vorrei sembrare politicamente corretto, ma non è un po' troppo sessista per stare al Ministero delle Pari Opportunità?

Storace non si vuole avvalere dell'indulto. Se lo tiene per quando metterà sotto un barbone.

D'Alema dà del bugiardo a Sallusti, vicedirettore de Il Giornale. C'è chi si chiede perchè non intervenga l'Ordine dei Giornalisti, dato che un deputato ha insultato un giornalista che esprime un'opinione.
Bugiardo, mascalzone, vada a farsi fottere.
In fondo, anche questa è un opinione

Storace condannato, Scajola Dimesso, Fini allontanato.
Se Bersani se ne va in vacanza l'Opposizione ha la vittoria in pugno.


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Nessun commento:

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.