Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

mercoledì 14 aprile 2010

Il cacciatore di ex

Milo Boyd (Gerald Butler) è un cacciatore di taglie che prima che il suo matrimonio finisse rovinosamente era un poliziotto. Il suo obiettivo è Nicole (Jennifer Aniston), giornalista d'assalto che, nel bel mezzo di uno scoop scottante e pericoloso, ha mancato la convocazione in tribunale per un reato minore e deve finire in prigione.
L'unico problema è che Nicole è proprio la ex moglie che, in seguito al tempestoso divorzio, aveva scatenato un circolo deleterio di gioco d'azzardo e alcol in Boyd.
Inutile dire che, da un duo pieno di attriti e rancori, nasce una coppia che si ritroverà in mezzo a qualcosa di ben più pericoloso di un reato minore o di un matrimonio mal assortito.
Il vecchio Gerald, virile, ruvido e piacione come sempre, gioca di nuovo la carta del duro rozzo e un po' comico che si era già giocato con La dura verità, creando un personaggio quasi identico al precedente, con indosso la stessa camicia sfilacciata alla MacLane. In questa commedia è però meglio gestito e incastrato, dato che è più divertente e meno volgarotto; fa anche una bella coppia con la sempre più acerba, ma sempre sexy Aniston.
Bello il pezzo in cui lei lo punzecchia dandogli del tenente Kojak, in realtà è un'autocelebrazione, dato che l'attore di Kojak, Telly Savalas è il padrino dell'attrice.
Non ci sono solo loro come personaggi, ma anche una lunga serie di personaggi secondari simpatici e ben caratterizzati, dalla madre di lei un po' porca e complice dell'ex genero, al capo di lui, comico, facilone, ma sempre dedito agli affari.
In più vi è una lunga serie di attori più o meno noti e una bella colonna sonora.

Voto 7/10
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Nessun commento:

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.