Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

giovedì 7 febbraio 2008

Poverino, l'ha fatto per amore!

Che schifo!
Non so se è successo perché l’avvocato difensore era un paraculo o se è perché il giudice era un idiota. Un 34enne condannato per stupro di una 13enne ha ricevuto una diminuzione della condanna perché “era innamorato”.
Bella cosa lo stupro d’amore, è come dire leghista intellettuale, come dire guerra democratica o bomba intelligente o conservatore-liberale!
Uno commette un crimine, ma lo perdoniamo, lo ha fatto per amore!
Mettiamo in chiaro delle cose.
Innanzitutto non esiste uno strumento scientifico e affidabile che ti dica se uno è innamorato o meno, questa è una cosa della quale non ci siamo resi conto ed evidentemente non è solo un problema delle ragazzine che abboccano quando uno si gioca il jolly per trombarsele dicendo “ti amo”. Se uno dice che è innamorato di una persona, non significa necessariamente che lo è!
Secondo.
La gente deve capire che la legge è una cosa, l’etica è un’altra, non sono cose che vanno sempre d’accordo, mettetevelo in testa, un criminale noi lo possiamo comprendere, lo possiamo giustificare, lo possiamo pure perdonare, ma se gli danno 20 anni 20 anni sono!
Se uno di 30 anni va a letto con una 15enne umanamente è un paraculo, ma legalmente è un pedofilo. E se la persona ha 34 anni e la ragazzina ne ha 13 e per di più non sono andati a letto, lui l’ha stuprata, allora –secondo me – andrebbe condannato anche come uomo, non solo come criminale.
Ma che ci volete fare, noi siamo in Italia, la cattolica, sentimentalista Italia.
Questa idiozia è frutto della cultura perversa e idiota di questa società dove le merde come i vari papi e i numerosi Federico Moccia del momeno hanno diritto all’ossigeno.
In quanto cattolici ritardati, gli italiani già sono per il perdono sempre e comunque, se poi il pezzo di merda in questione dice di averlo fatto per amore, sono disposti anche a dargli una medaglia.

Il bello è che questo fatto è successo proprio ora che esce nelle sale "Scusa ma ti chiamo amore". Coincidenza? Forse.

6 commenti:

rightoy ha detto...

che il gesto maniacale in se è una merda è risaputo però considera il fatto che trattasi di una malattia...quella di credere di amare un ragazzino....NON DI CATTIVERIA...questa è una persona bisognosa di cure...non di una condanna.
adios

Tancredi ha detto...

La pedofilia è considerata una perversione dai tempi dell'antica Grecia. E se a livello legale è stata fatta una legge che punisce chi ha un rapporto sessuale con una minorenne (e per minorenne non intendo una diciassettene, bensì una ragazzina) quest'ultimo va punito, malato o no. Certo, magari è una persona squisita, magari ha avuto un'infanzia difficile, una vita tormentata, magari era veramente innamorato di quella ragazzina. Ma gli anni che spettano a un pedofilo se li deve fare tutti in ogni caso!

Liby ha detto...

Ciao
mi piace il tuo Blog !!

Ci sono arrivato tramite il Blog di Cris .. ti và uno scambio Link??

Spero di si ;-)

Liby

http://ruberia.blogspot.com/

Tancredi ha detto...

Vada per lo scambio! Ho appena messo l'indirizzo del tuo blog fra i links.

Anonimo ha detto...

ciao..volevo dirti che il tuo blog è una grande merdaccia mischiata con cazzate di ogni genere! Michael Jackson non ha mai stuprato nessuno, quindi ti conviene o di levare la sua foto, oppure di cancellare tutto quello che hai scritto, perchè passi per coglione..vabbèpenso che già lo sei! comunque un gande va fan culo da Sabry! Ciao!

Anonimo ha detto...

condivido pienamente con sabry e mi unisco con molto piacere al suo "vaffa"...purtroppo alla coglionaggine non c'è limite ne cura....il mondo è pieno di gente che giudica e condanna senza conoscere realmente i fatti.
KIM

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.