Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

sabato 8 dicembre 2007

Censura utile.

Luttazzi è stato censurato per l'ennesima volta. La motivazione ufficiale è una battuta particolarmente pesante che ha fatto su Ferrara (ma del resto è Luttazzi, che vi aspettavate?).
La trasimissioni incriminata, "Decameron", era trasmessa il sabato, in seconda serata e su "La 7", il che vuol dire che non se la guardava quasi nessuno. Se si stavano zitti, quella battuta sarebbe passata senza attirare attirare la minima attenzione, anzi, sarebbe stata vista come la solita battutaccia pesantina. Ora, censurandola, tutta Italia conoscerà questa battuta e questa trasmissione. A me sa tanto di zappata sui piedi, non so a voi. Forse la censura serve a qualcosa, quando si tratta di pubblicizzare una delle poche trasmissioni decenti della TV italiana.
Il video (scusate la pessima qualità) è questo.

4 commenti:

Giulia ha detto...

la battuta, inoltre, era vecchia e Ferrara non se ne era mai lamentato. Io, sinceramente, non ho ancora afferrato le vere motivazioni di questa censura.

Tancredi ha detto...

Bho. Forse stavolta è successo perchè Ferrara e Luttazzi stanno sulla stessa rete, ma molto più probabilmente è perchè era parecchio scomoda l'intera puntata dedicata all'iraq.
P.S. Davvero era una battuta nuova? Non la sapevo questa...

Peppino ha detto...

la trasmissione più che Decameron,doveva chiamarsi Decamerdon.

Lady M ha detto...

tra l'altro le battute che si riferiscono al fatto che ferrara è grasso non fanno più ridere da un po' e poi in quella battuta c'erano altri personaggi citati, tipo la santanchè in tuta sadomaso, quindi non raccontiamoci palle è ovvio che siano altri i motivi della censura

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.