Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

martedì 20 novembre 2007

Un paese indipendente

Negli ultimi giorni abbiamo tutti quanti assistito tramite i massmedia alla terribile tragedia che ha travolto lo stato indipendente del Bangladesh: L'ennesima catastrofe naturale.
La domanda che io mi pongo e' la seguente: Perche' abbiamo dovuto sborsare un milione e mezzo di euro per gli aiuti umanitari?! Perche' i nostri capi di stato, cosi come quelli di tutto il mondo devono utilizzare i soldi delle nostre tasse (perche' sono quelli) per pagare i soccorsi ad una nazione che e' veramente inutile? Cio' che ho detto puo' sembrare orrido, non voglio fare la figura del razzista, perche' non lo sono, ne tanto meno quella del cinico bastardo a cui non importa niente di nessuno.
Il Bangladesh e' un paese che fino a prima del 1971 era provincia orientale del pakistan e non essendo uno stato indipendente, quindi sovrano, dallo stesso pakistan riceveva finanziamenti. Poi nel 1971 il Bangladhes ha voluto l'indipendenza, e l'ha ottenuta. Probabilmente questo stato pensava solamente alla bella parola...INDIPENDENZA, si, essere liberi dal giogo di un altro paese ed ottenere la sovranita', senza pensare che un paese indipendente deve essere in grado di autosostenersi, di svilupparsi, eliminare per quanto possibile le differenze di classe e mantenere una certa stabilita'. Ecco, il Bangladesh ha ottenuto l'indipendeza privo di qualsiasi di queste caratteristiche e a 35 anni da questo evento la situazione non e' cambiata di una virgola, E' un paese pieno di baracche e 10 palazzoni di chi governa.
Quindi perche' sborsare un milione e mezzo di euro (che poi andra' in mano al potente del paese e ai poveracci per la strada non cambiera' nulla) che verra' tramutato al 30 per cento in baracche che verrano devastate dal prossimo uragano? Perche' bisogna continuare ad andare avanti con questa ipocrisia facendo vedere che ci interessa degli altri quando invece nn e' vero, e questo milione e mezzo di euro serve solamente per fare bella figura sulla scena internazionale? Non sarebbe meglio usare questo milione e mezzo di euro e tutti gli altri soldi che vengono buttati al vento tra notti bianche e cazzate per risolvere i problemi interni al nostro paese, strutture sanitarie migliori, macchinari sofisticati per la cura del cancro che si trovano solo in altri paesi e che solo la gente benestante si puo' permettere?
Per quello che penso sulla questione del Bangladhes datemi pure del bastardo, ma se devo pensare che dobbiamo sborsare continuamente del denaro ad ogni catastrofe di ogni paese del genere solo per farci notare sulla scena internazionale e poi fare schifo al nostro interno preferisco essere etichettato come cinico bastardo senza morale.

Il mio intervento non e' contro le associazioni umanitarie, ma solo contro l'idiozia dei governi che pensano prima al bene della loro immagine che del proprio paese.

Nessun commento:

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.