Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

venerdì 6 agosto 2010

La solita ministra

Certo, capisco che la Brambilla sia stressata e delusa dal suo incarico.
Mesi e mesi di spompinamento a Berlusconi e poi si deve accontentare di un Ministero alquanto mediocre quale quello del Turismo, trascurata dal pedopremier che preferisce la Carfagna.
Secondo la mia opinabile opinione, fra la Brambilla e la Carfagna con quel taglio di capelli da maestrina isterica, avrei preferito la Brambilla.
Ma questo è un altro discorso.
Tornando alla Brambilla, devo dire che forse sta dando una delle prove peggiori di Ministro del Governo, contando poi che si trova di fronte a dei concorrenti niente male.
Di fronte a degli imbarazzanti risultati sulle frequentazioni turistiche nelle località italiane di quest'estate, la Brambilla ha ben pensato di girare il coltello nella piaga, andando in vacanza in Francia e Spagna.
Non per vacanza, certo che no: lei è in missione, lei deve scoprire quali sono i segreti che hanno permesso a francesi e spagnoli di farci il culo sulle presenze turistiche.
Una vera storia di spionaggio industriale!
Peccato che la sua missione, esageratamente meticolosa e approfondita, abbia un effetto collaterale e trametta un messaggio abbastanza negativo: il turismo italiano fa così pena che neanche il Ministro del Turismo italiano passa le vacanze in Italia!
Fra l'altro, siccome la Ministra si occupa di turismo, dovrebbe come tutti gli operatori di turismo lavorare in stagione di vacanza e riposarsi quando gli altri lavorano e, siccome in quanto politica per definizione non fa un cazzo dalla mattina alla sera, perchè non pensava bene di anticipare le sue vacanze spionaggio prima dell'estate, magari così i preziosi segreti carpiti poteva sfruttarli per quest'estate e non tenerli presente per il prossimo periodo vacanziero!
Cazzo, occuparti di turismo fa parte del tuo lavoro, sei pagata per andare in vacanza, almeno rendi utile la tua vita e vattene in vacanza in Italia per dare il buon esempio!
Di fronte a tale pigrizia e inettitudine, Michelona ha deciso di fare qualcosa, in modo di tacciare le critiche di immobilismo. Era meglio se stava ferma.
La Brambillona ha deciso di attaccare il palio di Siena.
Forte del suo minuzioso studio del turismo spagnolo, ha deciso che, se in Catalogna aboliscono la Corrida, noi dobbiamo fare la stessa cosa con il palio, che è un esempio di maltrattamento degli animali e fa cattiva pubblicità per il il suo caro made in (magic)Italy.
Inutile dire che a Siena sono disperati, la cattiva pubblicità sarebbe proprio togliere uno degli elementi caratteristici di quella città, sarebbe come vietare le gondole di Venezia perchè la loro particolare forma disturba il volo dei piccioni e non permette loro di cacare in testa ai turisti com'è nella loro irrinunciabile natura.
Fra l'altro l'accostare la corrida a una corsa di cavalli mi fa venire dubbi perfino sul fatto che la Brambilla abbia idea di cosa sia una corrida.
La corrida è infinitamente più violenta nei confronti degli animali rispetto al palio.
E comunque io sarei favorevole anche alla corrida.
Ma questa è un altra mia opinabile opinione...
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Nessun commento:

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.