Per lamentele, piagnistei, insulti e querele scrivete a tanci86@fastwebnet.it. Mandate anche una mail allo studio legale Culetti&Lopuppa & sons (mail: lopuppa.culetti@libero.it) da oggi anche su Facebook!

Padre, ho peccato: seguo questo blog!

lunedì 10 giugno 2013

Terza stagione di GOT: giudizi


Cari figli dell'estate.
Vi ho sempre visti dall'alto in basso, ma vi rispetto.
Più di quanto rispetta i vari fanboy e fangirl persi nelle loro ridicole teorie su come dovranno andare i libri o sulle mille teorie sulla vera madre di Jon Snow.
Da quando un mio amico, alla fine dell'ultima puntata della serie di GOT ha detto che leggerà i libri, ma solo quelli ambientati dopo la fine del telefilm , ho deciso che i figli dell'estate (quelli veri, quelli che dopo aver visto il telefilm, hanno letto i libri e si sono messi in pari) meritano molto più rispetto di quanto pensavo meritassero in passato.
Quindi onore a voi, cari figli dell'estate, voi non aspetterete anni interi prima del prossimo libro, voi non soffrirete quanto ho sofferto io e quei coraggiosi veterani che seguono Martin da molto più tempo, probabilmente non rimarranno dei buchi nella trama perchè è passato un decennio da quando iniziarono a leggere le cronache.
Chiedo anche scusa a un amico figlio dell'estate che ho involontariamente spoilerato su un qualcosa che non posso dire. Giuro, è la prima volta che mi capita, non volevo!
Però il link col quale l'ho involontariamente spoilerato era davvero carino!
Detto questo, iniziamo a parlare della terza stagione.
Meglio della seconda, a pari merito con la prima.
Game of Thrones è ancora il miglior telefilm in circolazione, poco da fare.
Purtroppo continua a portarsi dietro grosse pecche.
Non parlo di anticipazioni o omissioni di personaggi minori (minori almeno per me, se c'è qualche fan più integralista, chiedo scusa), parlo di radicali differenze con la trama.
Radicali come la pessima scelta di rendere Robb più stupido e adolescenziale rispetto al libro come era successo nella seconda stagione.
È succeso di nuovo, non con Robb, ma col rapporto fra Shae e Tyrion, ià sentivo che aveva iniziato a prendere una brutta piega nella seconda stagione e qui ha continuato.
Purtroppo Martin ha ceduto ad alcune cricche di fan, probabilmente a prevalenza femminile, che spingevano per dare un taglio più romantico al rapporto di alcuni personaggi che nel libro erano dipinti in maniera molto più cupa e disillusa. Tyrion è un personaggio che resta divino e ottimamente recitato, cinico, ma buono, coraggioso, ma equilibrato. Shae è ben recitata e interpretata, ma nel libro non si innamorava di Tyrion, mentre qua sta sempre più cedendo a vene romantiche.
Martin continua con la sua tendenza nel telefilm a voler rendere palese quello che nel libro era lasciato volutamente ambiguo e frutto di interpretazione sperticate dai vari funboy.
Se, da una parte hanno voluto irretire la lobby delle ragazzine che volevano il romanticismo, dall'altra hanno fatto di nuovo l'occhiolino alle lobby dei fanboy che si fanno mille pippe su qualche riga nei libri.
Fa il suo grande ingresso la spaccaculi nonna Tyrell, mancano le sue guardie del corpo Sinistro e Destro, ma lei interpreta il personaggio egregiamente.
Il grande Tywin Lannister inizia a fare lo stronzo come nel libro, era eccellente anche nell'altra stagione, ma non abbastanza stronzo, adesso è invece fedele all'originale.
Joffrey sempre più stronzo, ma ci piace così.
Troppo spazio dato a Lady Margarey, ma è una bella figa.
Il grande duo Ditocorto-Varys è sempre eccezionale, il primo un po' più bastardo, il secondo un po' più buono rispetto al libro, ma hanno il mio ok.
La stagione è potente, resa in maniera secondo me eccezionale.
Anche gli eventi di cui ero già a conoscenza sono stati forti come se non me li fossi aspettati, un pugno nello stomaco, come piace a noi.
Un appunto sulla coppio Snow-Ygritte.
Jon Snow è il peggior attore della serie, si fossilizza su un'espressione da lagnoso veramente del cazzo ed è la stessa che messo su da quando stava a grande inverno; Ygritte è, secondo me, fantastica, specie quando fa l'imitazione di Jon Snow per sfotterlo, credo che sia la miglior interpretazione femminile.
Danerys è calzante rispetto all'originale e qui raggiungerà il culmine della sua fama.
Però cazzo, la fine della stagione con lei che pare stia facendo il balletto di waka waka fa veramente pena!

Nessun commento:

NEL NOME DELL'ODIO

Sano, liberatorio, onesto, politicamente scorretto.
Qualcuno può rompere per gli argomenti che tratto e per come li tratto, ma ci stiamo dimenticando una cosa importante: chi crea un blog può scriverci quello che cazzo gli pare.

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

QUESTO BLOG NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA
QUINDI NON ROMPETE. GRAZIE.